Emergenza hacker all'open day, esperti a confronto per fermare i cyber attacchi: piano per famiglie e aziende

Lunedì 25 Gennaio 2021
Emergenza hacker all'open day, esperti a confronto per fermare i cyber attacchi: piano per famiglie e aziende

PORTO SAN GIORGIO -  I cyber attacchi sono ormai all’ordine del giorno e minacciano aziende, istituzioni ma anche privati cittadini. Non esistono tecnologie immuni agli incidenti cyber, ma il loro uso consapevole rappresenta già un importante primo livello di difesa. Sono le riflessioni del professor Marco Baldi rispetto agli episodi accaduti nei giorni scorsi nel corso degli open day virtuali negli istituti scolastici della provincia. Nel mirino, in particolare, Porto San Giorgio.

LEGGI ANCHE:

 

 

Il docente di telecomunicazioni alla Politecnica delle Marche, esperto in cybersecurity, terrà su questo tema un webinar promosso e organizzato dall’Aiart Fermo e dall’Aimc provinciale dal titolo “Cybersecurity a scuola e in famiglia: gli errori da non fare” venerdì prossimo dalle 18,30 alle 19,30 sulla pagina Facebook e sul canale Youtube Aiart Marche. «Abbiamo pensato a questo incontro perché la pandemia ci ha scaraventato nella didattica digitale senza la necessaria preparazione e gli spiacevoli eventi dell’ultimo periodo possono definirsi preannunciati. Proprio per questo insieme all’associazione maestri cattolici abbiamo già calendarizzato l’incontro con Baldi», spiega Marco Splendiani, psicologo e presidente di Aiart Fermo.

«Il nostro scopo - riprende - è saper cogliere i “segnali di pericolo” dei media e del web in questo tempo complesso e fornire a più utenti possibile l’informazione o la formazione sufficienti per non trovarsi impreparati». «Non soltanto i docenti - rimarca Maria Grazia Ortenzi, presidente di Aimc Fermo e Porto San Giorgio-ma tutto il personale della scuola e i genitori devono essere consapevoli dei rischi che si possono correre, per questo motivo abbiamo creduto sin dall’inizio alla sinergia con l’Aiart e con gli enti locali. Ritengo fondamentale e prioritario essere aggiornati e formati sulla conoscenza e capacità in materia di utilizzo consapevole del web e delle nuove tecnologie».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA