Scatta il fermo-pesca
​dei vongolari del Piceno

Domenica 30 Marzo 2014
Vongolare ferme in porto per almeno un mese

PORTO SAN GIORGIO - Da domani stop per un mese alla pesca delle vongole. Il Consorzio dei vongolari del Piceno, guidato dal neoeletto presidente Gerardo Fragoletti, ha deciso di rimanere in banchina per almeno quattro settimane. E il motivo è semplice e riconducibile esclusivamente al sottodimensionamento del prodotto presente in mare che riduce sensibilmente la quantità di vongole pescabili. A sentir parlare il presidente Fragoletti le cause sarebbero da individuare principalmente nelle mareggiate di novembre e dicembre 2013. Con il maltempo, infatti, i molluschi bivalvi si sono ridotti nel numero e quelli presenti attualmente sui fondali della costa fermana stanno crescendo ma sono ancora troppo piccoli per essere prelevati. La pesca di molluschi sotto la taglia minima, su cui vigila la Capitaneria di porto, è un illecito amministrativo di cui il Covopi non si vuole macchiare. Le vongolare, dunque, rimarranno a motori spenti per almeno un mese. E a fine aprile decideranno se proseguire con altri 30 giorni di stop. La categoria, comunque, ha l'obbligo di non uscire in mare per due mesi all'anno. E così i vongolari hanno deliberato di fermarsi ora che i molluschi bivalvi nel tratto di costa di competenza del Covopi scarseggiano. Il fermo-pesca dei vongolari, però, coinciderà con la Pasqua 2014 che quest'anno cade il 20 aprile. Ma Fragoletti garantisce: "Nessun problema per la reperibilità del prodotto". Insomma le vongole non mancheranno dai piatti a base di pesce nel Fermano.

Ultimo aggiornamento: 1 Aprile, 07:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA