Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allarme contagi, chiude l’asilo “Piccoli passi”: ecco fino a quando è stato deciso lo stop

Allarme contagi, chiude l asilo Piccoli passi : ecco fino a quando è stato deciso lo stop
Allarme contagi, chiude l’asilo “Piccoli passi”: ecco fino a quando è stato deciso lo stop
2 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 05:10

PORTO SAN GIORGIO - Si guarda con speranza al futuro ma intanto continuano i problemi legati ai contagi e alle relative quarantene. L’ultima notizia è che l’attività dell’asilo nido comunale “Piccoli passi” è sospesa dalla giornata di ieri fino a domani.

Lo ha disposto il sindaco di Porto San Giorgio Nicola Loira attraverso un’ordinanza firmata nella mattinata di ieri ed entrata quindi subito in vigore. La decisione scaturisce dalla comunicazione ricevuta dalla educatrici sulla presenza di un caso di positività tra i bambini.


«All’interno dell’asilo nido comunale è costituito un unico gruppo classe e pertanto le attività devono essere sospese per dieci giorni dalla scoperta della positività (con esclusione di coloro che nelle 48 ore precedenti non hanno frequentato l’asilo e di eventuali guariti da Covid-19 da meno di 120 giorni)», viene spiegato nell’ordinanza. Nelle prossime ore si procederà alle operazioni straordinarie di pulizia e sanificazione degli ambienti. In città nelle settimane scorse si sono verificati anche tanti problemi legati ai contagi nei locali, tanto che alcuni sono stati costretti a osservare un periodo di chiusura. La speranza, appunto, è che a mano a mano si vada verso una situazione meno allarmante con meno disagi per servizi importanti come quello delle scuole. Ma, a quanto pare, non è per adesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA