Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Truffa online da 15mila euro a Porto San Giorgio: raggirato il titolare di un bar ricevitoria

Truffa online da 15mila euro a Porto San Giorgio: raggirato il titolare di un bar ricevitoria
Truffa online da 15mila euro a Porto San Giorgio: raggirato il titolare di un bar ricevitoria
di Nicola Baldi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 02:05 - Ultimo aggiornamento: 16:13

PORTO SAN GIORGIO - I carabinieri di Porto San Giorgio hanno denunciato alla Procura due soggetti di origine campana, entrambi intorno ai 50 anni, con l’accusa di tentata truffa in concorso.  

Nel mese di maggio scorso, i due avevano contattato telefonicamente il titolare di un bar ricevitoria di Porto San Giorgio spacciandosi come assistenti telefonici della società “Mooney spa”. Con quella comunicazione, segnalando alla vittima prescelta la necessità di risolvere inesistenti disservizi di natura telematica, l’avevano indotta a eseguire decine di operazioni online di accredito per la ricarica di una carta Mooney per una somma complessiva di poco superiore ai 15mila euro. La truffa, per fortuna, non è andata a buon fine perché il titolare della ricevitoria, forse messo sull’avviso anche dai vari appelli alla cautela diffusi nelle ultime settimane dalla compagnia dei carabinieri di Fermo, a fronte dell’aumento delle truffe online, ha deciso di verificare e successivamente segnalare quegli accrediti direttamente alla società “Mooney-SisalPay”, e, scoperto l’inganno, ha bloccato immediatamente le operazioni.


Gli accertamenti


Dopo la denuncia formalizzata dal titolare nella stessa stazione dei carabinieri di Porto San Giorgi, i militari hanno avviato gli specifici accertamenti. Al termine, grazie all’analisi dei tabulati telefonici che hanno permesso di ricostruire lo scambio di telefonate, e della documentazione bancaria, hanno individuato i due truffatori per i quali è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria, per il reato di tentata truffa in concorso. Gli stessi militari tornano a lanciare l’appello di fare sempre la massima attenzione. Purtroppo le operazioni online sono aumentate in maniera esponenziale e con loro anche le truffe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA