Occhio alle vendite online, l'intuito di una mamma smaschera il raggiro. I carabinieri denunciano tre truffatori

Domenica 28 Febbraio 2021 di Laura Meda
Occhio alle vendite online, l'intuito di una mamma smaschera il raggiro. I carabinieri denunciano tre truffatori

PETRITOLI - Un’altra truffa online scovata dai carabinieri. In azione i militari dell’Arma di Petritoli che, coordinati dal luogotenente Quarta, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Fermo tre pugliesi. I tre hanno cercato di ingannare sia la madre che il figlio ed è stato proprio l’intuito della donna a indirizzare i carabinieri sulla strada giusta. Simulando la vendita online di un cellulare sul sito Subito.it si erano fatti accreditare da un giovane di Monte Giberto 350 euro su una carta Poste Pay che era riconducibile a uno dei tre malviventi senza però inviare la merce.

 

Ma a quanto pare i tre, non contenti della prima azione, avevano tentato di vendere lo stesso telefono cellulare anche alla madre della vittima, la quale, sospettando la truffa, aveva deciso di verificare se quello specifico telefonino fosse ancora in vendita, smascherando così le loro reali intenzioni. Per fortuna, nel secondo caso non era stata accreditata alcuna somma sulla carta come invece era avvenuto per la prima vendita fantasma. I tre pugliesi avevano avanzato la richiesta per un accredito su un’altra carta Poste Pay.

Continua quindi la lotta alle truffe online: si tratta di un fenomeno, come ricordano gli stessi militari dell’Arma, che ha manifestato una particolare impennata in un periodo in cui sono aumentati esponenzialmente gli acquisti online a causa dell’emergenza sanitaria. Un drastico cambio di abitudini da parte dei cittadini ma anche il rischio che diventino sempre più numerosi questi tentativi di truffa. I carabinieri rilanciano quindi l’appello per fare la massima attenzione e indirizzare i cittadini in tutti quei minimi accorgimenti che servono per evitare di incappare in brutte sorprese.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA