​Indagini per abuso d’ufficio
e falso in atto pubblico

Venerdì 20 Dicembre 2013
​Indagini per abuso d’ufficio e falso in atto pubblico

FERMO - La Procura della Repubblica di Fermo ha aperto un fascicolo relativo ad un incarico da facente funzioni di primario assegnato ad un medico dell’ospedale Murri di Fermo nei mesi scorsi. Nei giorni scorsi sono stati acquisiti tutti gli atti di questa vicenda che ora sono al vaglio del procuratore della Repubblica Domenico Seccia e dei suoi sostituti. L’inchiesta sarebbe nata sulla base di un esposto presentato da un medico che ambiva, parimenti, a ricoprire l’incarico ma che si è visto soffiare il posto dall’altro. Non c’è stata alcuna denuncia ma un semplice esposto per chiedere ai magistrati di approfondire la vicenda e chiarire se, per i titoli e il curriculum, quell’incarico, quel ruolo, non sia stato assegnato alla persona sbagliata.

La Procura ha acquisito tutta la documentazione e svolto anche accertamenti oltre che consultato la normativa. Per ora non ci sono iscritti nel registro degli indagati. “C’è stato nei giorni scorsi un accesso agli atti relativi ad una procedura per il conferimento di un incarico da facente funzioni”, conferma il direttore della Zt 11 di Fermo Gianni Genga. In pratica la procura è chiamata ad accertare se vi siano stati fatti illeciti riguardo a questa scelta. Il problema è che la legislazione lascia, riguardo a tale conferimento, una certa discrezionalità per cui appare improbabile che possano esserci sviluppi importanti. Tuttavia sono in corso approfondimenti sul dossier acquisito presso gli uffici dell’Asur di Fermo. I militari, coordinati dalla Procura, stanno svolgendo approfondimenti e comparazioni.

Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre, 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA