Ponte, i lavori senza fine. Castelli: «Che catastrofe, serve un altro milione»

Sabato 13 Marzo 2021 di Francesco Massi
Il ponte di Rubbianello

MONTERUBBIANO - È purtroppo una storia di ormai tristi ritardi quella della ricostruzione del ponte di Rubbianello a cavallo del fiume Aso, che mette in collegamento le province di Fermo e di Ascoli, tra i Comuni di Monterubbiano e Montefiore dell’Aso. Era crollato nel 2013 a seguito di una forte inondazione del fiume e, dopo più di sette anni, l’opera deve essere ancora completata.

 

 

A seguito della dichiarazione dello stato di emergenza dal consiglio dei ministri nel 2014, vengono finanziati 3 milioni di euro ripartiti al 50% tra le due Province proprietarie in parti uguali del manufatto. Nello stesso anno viene siglata una convenzione fra le due Province che individua quella di Ascoli stazione appaltante e responsabile per l’esecuzione dei lavori e quella di Fermo responsabile della progettazione e del collaudo. Nel 2016, con una piena dell’Aso, crollano altre due campate del rudere e la Regione subentra come nuovo ente proprietario della strada interessata dal ponte, ma la Provincia di Ascoli continua ad avere le stesse funzioni. Arrivati a oggi però l’investimento previsto per rendere definitiva l’opera non sono sufficienti e l’assessore regionale al Bilancio Guido Castelli solleva il problema della mancanza di un milione er far sì che il ponte possa essere di nuovo aperto. Punta il dito sulla precedente amministrazione guidata da Luca Ceriscioli. «Ho avuto un incontro con la Provincia di Ascoli – dice – e sono stato informato che per il completamento manca circa un milione. La stessa Provincia di Ascoli, nel settembre 2019, aveva chiesto alla giunta Ceriscioli un finanziamento di 600mila euro, sul quale erano state date rassicurazioni. Invece si è scoperto che non solo la somma non è stata stanziata, ma che non sarebbe nemmeno bastata. Una notizia catastrofica. Ed ora per evitare che il ponte diventi una delle opere incompiute più vergognose della storia d’Italia, ho fatto un primo incontro e sono al lavoro per reperire le risorse. Però non posso non manifestare tutta la mia sorpresa per quello che sembra un esempio di cattiva amministrazione. Conto di riuscire a reperire queste risorse finanziarie mancanti, ma non nascondo le enormi difficoltà che dobbiamo affrontare per trovarle». Secondo uno studio della sezione Infrastrutture della Provincia di Ascoli, per poter completare i lavori risulta necessario eseguire ulteriori lavorazioni per circa 375mila euro totali, inoltre per effettuare i raccordi tra il ponte e la strada esistente per circa 220mila euro, quindi per realizzare i lavori di sistemazione dell’alveo del fiume Aso per altri 450mila euro circa. In sostanza c’è bisogno ancora di un milione e 45mila euro prima di poter vedere di nuovo i veicoli attraversare il ponte di Rubbianello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA