Il nuovo sindaco Ubaldi completa la lista delle deleghe: adesso si parte con il primo Consiglio

Mercoledì 20 Ottobre 2021
Il nuovo sindaco Ubaldi completa la lista delle deleghe: adesso si parte con il primo Consiglio

MONTEGRANARO  - Dalla squadra di governo ai consiglieri delegati, amministrazione Endrio Ubaldi parte seconda. In questi giorni il nuovo sindaco ha infatti ufficializzato la giunta, con gli assessori individuati nelle figure di Monia Marinozzi (che è anche vicesindaco), Lucio Melchiorri, Gastone Gismondi, Annalina Zincarini e Giacomo Beverati.


 
In seguito spazio anche al resto della compagine. Al palazzo municipale sono state così consegnate numerose deleghe ai consiglieri di maggioranza per un coinvolgimento più completo da parte di tutti gli eletti. A partire dalle competenze per Ermanno Vitali, commercialista di 56 anni, consigliere comunale nella passata amministrazione tra i banchi dell’opposizione, ora chiamato a gestire Bilancio comunale e società partecipate. Per l’ex assessore ai Servizi sociali nel primo mandato sindacale di Ediana Mancini, la professoressa in pensione Cristiana Strappa, 70 anni, Ubaldi ha riservato invece Pubblica amministrazione e Pari opportunità. Con esse anche la delega alla casa di riposo: residence per anziani nel quale, negli anni antecedenti il ruolo in giunta, la Strappa si è spesa nel Consiglio di amministrazione.

Da una quota rosa all’altra, ed ecco Cristiana Puggioni, insegnante di 52 anni, nella squadra di governo della Mancini sino alla recente implosione, ora al timone della biblioteca pubblica, i collegati progetti di lettura e il centro sociale Conti. Quindi le deleghe alle new entry, vale a dire Francesco Marsili e Roberta Corvari, alla prima esperienza amministrativa. All’assicuratore trentacinquenne va l’Agricoltura, correlata con Viabilità e Servizi cimiteriali. In favore della stilista quarantatreenne l’Innovazione e la diversificazione produttiva, nonché l’occhio sul quartiere cittadino di Villa Luciani, cuore produttivo ben corredato da Edilizia residenziale, storica e recente.


Per l’impiegato di 37 anni Niccolò Venanzi la proposta di presidente del consiglio comunale, con la relativa prima convocazione. All’ex assessore della giunta Gismondi anche il rilancio dei Comitati di quartiere, la Partecipazione e il Commercio. Lunedì prossimo, dunque, l’appuntamento con la prima seduta del Consiglio: dopo le fibrillazioni dei mesi scorsi e il ribaltone che ha portato al governo del commissario prefettizio Francesco Martino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA