Truffe online sempre più frequenti, cresce l’allarme: l’ultimo raggiro su un camper

Martedì 19 Ottobre 2021 di Pierpaolo Pierleoni
Truffe online sempre più frequenti, cresce l allarme: l ultimo raggiro su un camper

MONTEGRANARO  - Trova un vero affare online per acquistare un camper, ma dopo la caparra versata spariscono sia l’annuncio che il venditore. È la disavventura capitata nei giorni scorsi ad un uomo di Montegranaro, caduto nella trappola di un truffatore seriale della bergamasca.

 


A ricostruire l’episodio e risalire al responsabile i carabinieri di Montegranaro. Un lavoro frutto di ricerche online ed analisi della documentazione bancaria, che hanno permesso di individuare l’artefice del raggiro. L’uomo, 35enne, si era già macchiato di altre truffe. Qualche giorno fa ha pubblicato sul noto portale Subito.it l’annuncio di un camper in vendita. Il prezzo era particolarmente conveniente ed ha fatto subito gola all’ignaro compratore montegranarese, che ha contattato il numero di riferimento. Con una serie di artifici, è stato convinto a versare una caparra di 200 euro su un conto corrente postale per bloccare l’affare. Ma una volta ottenuto l’acconto, il truffatore ha rimosso l’annuncio e si è reso irreperibile, sia telefonicamente che via email. La vittima ha capito di essere stata truffata e si è presentata ai militari della locale stazione per formalizzare la querela.

È così partito il lavoro dei militari, che nel giro di qualche giorno hanno ricostruito tutto l’accaduto e sono riusciti ad identificare chi si celava dietro quell’account mail e quel conto postepay nel quale è circolata la somma di denaro. Il 35enne è stato così denunciato all’autorità giudiziaria competente per il reato di truffa. Un episodio per nulla raro, che rimarca l’importanza di prestare la massima prudenza negli acquisti via web. È una metodologia di commercio ormai dilagata da anni, soprattutto a partire dall’emergenza pandemica, ma serve attenzione e soprattutto non cadere nell’illusione di realizzare grandi affari.

«Invitiamo a fare attenzione ad annunci con prezzi particolarmente convenienti – l’esortazione dell’Arma – potrebbero dar luogo a problematiche di varia natura. In casi sospetti consigliamo di segnalare immediatamente alle forze dell’ordine la presenza di annunci per effettuare eventuali approfondimenti, soprattutto in ordine alla provenienza della merce».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA