Truffa al bancomat per una sella da cavallo in vendita: donna denunciata dai carabinieri

Venerdì 29 Aprile 2022
Truffa al bancomat per una sella da cavallo in vendita: donna denunciata dai carabinieri

MONTEGRANARO  - Ancora una truffa online. I carabinieri di Montegranaro sono riusciti a dare un volto alla truffatrice che, dopo aver contattato una giovane donna di Montegranaro, l’ha indotta a raggiungere una postazione bancomat per ricevere la somma di denaro per l’acquisto di una sella da cavallo. La vittima l’aveva posta in vendita su un sito Internet. Si tratta di una ragazza di 23 anni di Montegranaro che alcune settimane fa aveva posto in vendita il prodotto al prezzo di 100 euro.

 


Dopo alcuni giorni era stata contattata da una donna che, mostrandosi interessata all’acquisto, l’aveva appunto convinta a raggiungere una postazione atm dove effettuare un’operazione di ricarica della propria tessera bancomat. Anziché ricevere la somma pattuita, però, la vittima veniva indotta a digitare una serie di codici, dettati telefonicamente dalla malvivente, che di fatto determinavano l’addebito di 500 euro a favore di un’altra carta postepay. La ragazza, realizzando solo troppo tardi di essere stata truffata, è andata subito alla stazione dei carabinieri di Montegranaro dove ha presentato la querela per il reato di truffa.

Gli uomini della Benemerita, dopo aver raccolto e analizzato la documentazione bancaria e i tabulati telefonici, sono riusciti a identificare la malvivente, una 38enne di origine serba e di casa a Roma, già conosciuta per simili attività criminali. La donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria per il reato di truffa. Nell’occasione i carabinieri invitano di nuovo i cittadini a diffidare da persone che invitano a raggiungere postazioni bancomat dove eseguire bonifici o altre operazioni bancarie: tali manovre, talvolta, purtroppo nascondono azioni meno nobili di natura truffaldina ed illecita. Si tratta di trucchi con i quali è facile cadere in trappola. Per questo meglio diffidare a priori quando ci sono proposte di questo genere che, in realtà, sembrano all’apparenza delle buone occasioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA