Olimpia e Sutor, batte il cuore di Montegranaro. Anastasia: «Noi ucraini non vi dimenticheremo mai»

Olimpia e Sutor, batte il cuore di Montegranaro. Anastasia: «Noi ucraini non vi dimenticheremo mai»
di Franco Limido
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Marzo 2022, 06:00

MONTEGRANARO - Slava Ukraini, l’associazione nata per raccogliere aiuti da inviare al popolo ucraino, torna in campo con nuove adesioni. Jacopo Venanzi, l’ucraina Anastasia Olekseiuk e la brasiliana Anny Gabrielly Santana de Albuquerque sono i principali promotori delle neonata realtà solidale.

 
I contenitori
Dopo aver coinvolto nei giorni scorsi «i quattro più grandi supermercati di Montegranaro - dicono - Md, Sì con Te, Conad City e Tigre, per allestire al loro interno contenitori alimentari per raccogliere beni da inviare in Ucraina, ci siamo mossi per allargare la solidarietà ad altre realtà comunali». «Nei giorni scorsi – precisa la Olekseiuk - siamo stati sommersi dalla generosità giuntaci della palestra Olimpia, in particolare dagli atleti del corso di kick boxing tenuto dai maestri Rossano e Simone Di Biagio. Non appena abbiamo cominciato con la raccolta nei supermercati siamo stati contattati dagli insegnanti e dai suoi ragazzi. Siamo rimasti stupiti dal volume dei beni e del denaro raccolti in pochi giorni. A stento sono riuscita a trovare le parole per ringraziarli tutti, ed è proprio il caso di dire che questa gente non solo è pronta a combattere sul ring, ma anche e soprattutto nella vita». Un altro grandissimo contributo alla causa lo ha dato la Sutor Basket, la storica realtà sportiva calzaturiera. «Con la Sutor noi ucraini condividiamo gli stessi meravigliosi colori della bandiera – prosegue -: i giocatori del gruppo squadra si sono offerti di aiutarci in prima persona tanto che, nelle mattinate scorse, noi dell’associazione ci siamo recati insieme a loro nei supermercati convenzionati per pubblicizzare la nostra raccolta».


L’impegno
Il presidente Mauro Gismondi e il capitano Riccardo Crespi, a nome di tutta la famiglia Sutor, inoltre, hanno «voluto donare del materiale da gara - conclude Anastasia - destinato ai miei più piccoli connazionali, per i quali anche un’ora di gioco in una situazione tragica come questa, può fare la differenza. Siamo solo all’inizio e non so quando durerà questa follia ma potete essere sicuri che la mia gente non dimenticherà cosa sta facendo Montegranaro per loro. Forza gialloblù».

© RIPRODUZIONE RISERVATA