Mariano non ce l'ha fatta: morto una settimana dopo l'incidente col trattore mentre aiutava il figlio

Giovedì 2 Luglio 2020 di Marina Vita
Montegiorgio, Mariano non ce l'ha fatta: morto una settimana dopo l'incidente col trattore mentre aiutava il figlio

MONTEGIORGIO - Triste epilogo per la vicenda di Mariano Capparuccia, l’ottantaquattrenne di Montegiorgio residente in Via Pila che una settimana fa ha avuto un incidente con il trattore finendo in una scarpata: è morto ieri mattina all’ospedale di Civitanova nel quale era stato trasferito lunedì scorso da quello reginale di Torrette.

LEGGI ANCHE:
Nessun morto per Coronavirus nelle Marche nelle ultime 24 ore: è il sedicesimo giorno consecutivo/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Tremendo frontale, persone incastrate tra le lamiere: in sei all'ospedale

Il 24 giugno l’anziano era stato colto da un malore, per un presumibile arresto cardiaco, mentre era alla guida di un trattore e trasportava alcune balle di fieno. Si era offerto di dare una mano al figlio che lo precedeva a bordo di un altro mezzo cingolato. Non vedendolo arrivare, il figlio era tornato indietro e aveva visto il trattore guidato del padre rovesciato nella scarpata mentre, sbalzato fuori dall’urto, lui giaceva inerte a terra.
 
La dinamica
Il violento impatto aveva provocato anche fratture alla testa e al collo dell’anziano e i militi dell’ambulanza, oltre ai pompieri subito accorsi, viste le condizioni disperate, avevano allertato l’eliambulanza per il trasporto all’ospedale regionale.
Il decorso
L’anziano di Montegiorgio da quel giorno non aveva più ripreso conoscenza e il suo quadro clinico non era migliorato. Si è spento ieri a Civitanova con un grande dolore per tutta la famiglia. Il figlio lo ricorda come un uomo sempre molto attivo, in ottima salute fino a quel momento, sempre dedito alla campagna alla cura dei suoi animali. Quel giorno aveva voluto a tutti i costi rendersi utile con il trasporto del fieno e il figlio non aveva voluto deluderlo, vedendolo contento di partecipare a quel compito familiare. Nessuno avrebbe potuto prevedere che sarebbe finita così. Che avesse perso conoscenza mentre era alla guida si evince dal fatto che il trattore che guidava non ha mai frenato e ha proseguito a zig zag trascinando tutto ciò che incontrava. Fino all’urto fatale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA