Maria rapinata e uccisa in casa: cinquant'anni di carcere al terzetto di criminali

Venerdì 24 Gennaio 2020
Montegiorgio, Maria rapinata e uccisa in casa: cinquant'anni di carcere al terzetto di criminali

FERMO - Trent’anni per il 48enne Dante Longo, 16 anni per il nipote 35enne Sebastiano Piras e 4 anni per la 45enne Zlatina Iordanova. Sono stati loro ad aver ucciso e rapinato la sera dell’11 marzo 2018, nella sua casa ad Alteta di Montegiorgio, la 79enne Maria Biancucci. Omicidio volontario e rapina aggravata per Longo e Piras, che si introdussero in casa e commisero materialmente il delitto, concorso in rapina invece per la Iordanova, compagna di Longo all’epoca dei fatti, che fece da palo. L’accusa aveva chiesto l’ergastolo per Longo, 16 anni e 8 mesi per Piras e 4 per la donna.

LEGGI ANCHE:
Annuncia il suicidio all'amico. Ma l’ultima telefonata gli salva la vita grazie al soccorso della polizia

La moglie lo tradisce con il vicino di casa, lui gli chiede soldi in cambio del silenzio

A trovare senza vita l’anziana donna quella tragica notte, con mani e piedi legati e una federa sul volto, il figlio Marcello Balestrini, al ritorno da una serata in pizzeria. Ed è proprio Marcello, pochi istanti dopo aver ascoltato dalla voce del giudice Cesare Marziali la condanna per omicidio volontario e rapina dei tre, ad uscire dall’aula affermando, «è stata fatta giustizia». «E’ andata bene – continua il fratello Pierluigi Balestrini – per quanto si possa usare l’espressione “bene” dopo quello che è stato fatto a nostra madre. Oggi, certo, c’è questa piccola soddisfazione, ma nostra madre intanto non c’è più».

© RIPRODUZIONE RISERVATA