Centri storici, c'è chi torna a crederci. La Battilà: «Il negozio a Montegiorgio? Ho inseguito un sogno»

Centri storici, c'è chi torna a crederci. La Battilà: «Il negozio a Montegiorgio? Ho inseguito un sogno»
Centri storici, c'è chi torna a crederci. La Battilà: «Il negozio a Montegiorgio? Ho inseguito un sogno»
di Marina Vita
2 Minuti di Lettura
Lunedì 19 Settembre 2022, 03:35 - Ultimo aggiornamento: 18:17

MONTEGIORGIO - Un tempo il centro storico di Montegiorgio pullulava di attività commerciali di ogni genere e la passeggiata lungo corso Italia e piazza Matteotti offriva un affaccio su tante belle vetrine che esponevano merci e richiamavano clienti da tanti paesi dell’entroterra. Poi negli anni le abitudini di acquisto e di vita sono cambiate, i centri storici si sono spopolati e una alla volta le serrande si sono abbassate avvolgendo di vuoto quegli spazi vitali. Ma c’è ancora chi scommette sul proprio paese e decide con coraggio di sceglierlo come sede della propria attività.  Un segnale che arriva dai giovani. E’ questo che ha fatto Elisa Battilà, 28enne montegiorgese, che proprio nei giorni scorsi ha tagliato il nastro del nuovo negozio “Il Click di Elisa” in piazza Matteotti, sotto le logge, occupando lo spazio di quel salone in cui lo storico barbiere “Guglié” ha fatto barba e capelli a intere generazioni di cittadini. Storia e tecnologia che andranno a braccetto perché “Il Click di Elisa”, realizzazione di siti web, studio fotografico, progettazione grafica, parla già di futuro. «Tutti i sogni possono diventare realtà solo se abbiamo il coraggio di inseguirli», dice molto commossa la giovane titolare.


Il futuro


«Questo - riprende - era il mio sogno, l’ho realizzato e posso dire che finalmente ho il mio posto nel mondo e sono pronta a sfidarlo a colpi di... click. Come potrei non cercare, nel mio piccolo, di far ripartire questo centro storico e la sua bellezza, che mi regala ogni giorno ricordi di quando ero piccola e scorrazzavo tra queste vie? Ho girato per il mondo e conosciuto gente di ogni dove, ma il mio cuore appartiene a Montegiorgio e spero che un giorno ritornerà più popolato che mai». Al taglio del nastro (nella foto gentilmente concessa da Franco Bucalà) ha ovviamente partecipato il sindaco Michele Ortenzi con tutta la sua squadra. Ha sottolineato come questa nuova attività sia «un segno importante di rinascita e resilienza per la nostra comunità». Poi è seguita festa grande e molto partecipata con musica dal vivo e tanta allegria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA