Monte Urano, 25 nuove spycam per garantire la sicurezza: i lavori sono già iniziati

Monte Urano, 25 occhi elettronici per garantire la sicurezza: i lavori sono già iniziati
Monte Urano, 25 occhi elettronici per garantire la sicurezza: i lavori sono già iniziati
2 Minuti di Lettura
Domenica 30 Gennaio 2022, 08:05

MONTE URANO  - Sono iniziati i lavori per l’installazione di 25 telecamere che andranno a formare il circuito di videosorveglianza. L’obiettivo è controllare i punti più sensibili del paese, in particolare del centro storico. 
 
Luoghi ed edifici frequentati da cittadini, alcuni dei quali, in passato, sono stati teatro di atti vandalici e criminosi. L’impianto di videosorveglianza consentirà di monitorare in tempo reale alcuni siti ritenuti di interesse, in merito alla sicurezza, e fronteggiare eventuali fenomeni di vandalismo, già registrati negli anni scorsi. 

Il centro storico ospiterà 21 occhi digitali tra piazza della Libertà, largo Garibaldi, Giardini Pubblici, mercato coperto-ascensore ed altri punti. Altre 4 telecamere saranno orientate verso il cimitero, sia la parte vecchia che quella nuova. Altro obiettivo del progetto è quella di aumentare la percezione di sicurezza dei monturanesi, soprattutto dove normalmente c’è un flusso rilevante di persone. I problemi di logistica e la difficile reperibilità dei materiali hanno fatto slittare di 30-45 giorni l’installazione delle telecamere, inizialmente prevista entro la fine del 2021. La spesa complessiva per la fornitura e l’installazione di queste 25 telecamere è di 40.000 euro. 


Monte Urano si è dotato da anni di videocamere puntate sulle vie di accesso e di uscita dal paese al fine di monitorare i veicoli ma non si poteva ancora parlare di sistema di sorveglianza. In futuro, potrebbero essere posizionate altre telecamere, come previsto nel progetto comunale, per coprire alcune zone della città rimaste scoperte come gli edifici scolastici, la zona degli impianti sportivi con la palestra e lo stadio comunale. La videosorveglianza dovrebbe fungere da deterrente contro atti vandalici, micro criminalità e altri fenomeni riconducibili alla delinquenza di strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA