Potature drastiche, volano parole grosse ed anche sui social la questione si infiamma

Giovedì 6 Maggio 2021 di Serena Murri
Potature drastiche, volano parole grosse ed anche sui social la questione si infiamma

MONTE GIBERTO  - Potature contestate a Monte Giberto. In occasione dell’ordinaria manutenzione del verde forse qualche ramo ha finito per essere accorciato un po’ troppo, tanto che le foto sono finite sui social ottenendo commenti poco piacevoli.

LEGGI ANCHE:

Controlli antidroga, giro di vite anche nei paesi dell'ìnterno: sequestri e denunce dei carabinieri

 

La verde collina che dà il benvenuto a chi arriva a Monte Giberto, o a chi vi transita solamente, ha cambiato aspetto. Se ne sono accorti in molti suscitando sdegno e tristezza tanto che sono state pubblicate le foto del parco nella nuova veste su due gruppi Facebook che si occupano di patrimonio arboreo nazionale. Il boschetto che da sempre dava ombra e rinfrescava le estati, ora vede solo dei tronchi mozzati. Alcuni residenti, fra i quali vi sono anche esponenti della minoranza, parlano di uno «spettacolo spettrale che fa male ai cittadini impotenti, ma fa ancor più male la pioggia di critiche innescate dai social. Il nostro paese, noto per iniziative culturali, feste e sagre, questa volta è finito sulla bocca di mezza Italia per colpa di una potatura che ha deturpato una parte storica del centro cittadino».

Poi è seguita l’accusa al primo cittadino. «Il sindaco e la sua giunta - hanno sottolineato - non hanno valutato che le conseguenze dell’operazione sono tante: dalla mancanza di rispetto per il verde, alla mancanza di sensibilità su tematiche ambientali andando completamente controcorrente rispetto agli ormai affermarti principi che vedono gli alberi protagonisti nel contrasto ai cambiamenti climatici e fonte di vita per ogni essere vivente. Rispetto e sensibilità che non si ritrova neanche nelle altre aree verdi adiacenti il centro storico». Monte Giberto è un borgo che incanta i turisti anche per il verde in cui è immerso e ora sembra aver perso questa attrattiva.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA