Gastone, 62 anni, stroncato da un male incurabile. Dolore per l'imprenditore e grande giocatore di ping pong

Gastone Cappelletti aveva compiuto 62 anni
Gastone Cappelletti aveva compiuto 62 anni
di Francesco Massi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 02:50

AMANDOLA - Lascia un vuoto incolmabile in tutta la cittadinanza, dove era molto conosciuto, Gastone Cappelletti deceduto a 62 anni per un male incurabile. Amico di tutti, sempre sorridente, rassicurante, generoso, molto attivo nella sua impresa di costruzioni e con i suoi hobby come i viaggi con gli amici, la bocciofila, le feste di Carnevale, ma soprattutto il ping pong, la sua grande passione nella quale aveva anche ottenuto ottimi risultati.

Era stato tra i fondatori, nel 2012, della Virtus Tennistavolo e da allora non si era mai staccato dai colori giallorossi. Terzo giocatore di sempre come presenze: ben 119 gettoni nei campionati di D2 e D1, e altrettante partite le aveva disputate da singolarista tra tornei, Coppa Marche, Open. 


La malattia

Passione e impegno, un esempio accompagnato da ottimi risultati. Dopo la scoperta della malattia aveva superato le visite mediche ed era tornato a giocare vincendo anche partite non facili. Un anno fa era stato premiato dalla Virtus per le sue cento presenze in campionato. Una passione, quella del ping pong, trasmessa anche al figlio Enrico, un talento puro che vanta la partecipazione a due campionati italiani giovanili. Sui campi regionali, da Senigallia ad Ascoli, Gastone Cappelletti incarnava i veri valori dello sport basando tutto su rispetto, lealtà e agonismo. Neve, ghiaccio, pioggia non lo hanno mai fermato, da Amandola, per due volte a settimana, scendeva a Servigliano per gli allenamenti. Sabato prossimo la Virtus, impegnata in casa in due partite per il campionato nazionale di serie B1 e regionale di D2, giocherà con il lutto al braccio e ricorderà Gastone con una maglia speciale commemorativa. La Fitet Marche ha disposto un minuto di raccoglimento su tutti i campi da osservare nel fine settimana. Cordoglio è stato espresso anche da tante società pongistiche, tra cui San Marino, Fano, Camerino, Jesi, S. Elpidio a Mare, Ascoli, Montemarciano, S. Angelo in Pontano. La sua mancanza si farà molto sentire nel mondo del tennistavolo e nella vita quotidiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA