Dalla piazza gremita alla rete del Palio, la ripartenza scommette sul turismo. Con la Cavalcata Fermo entra fra i Comuni medievali

Dalla piazza gremita alla rete del Palio, la ripartenza scommette sul turismo. Con la Cavalcata Fermo entra fra i Comuni medievali
Dalla piazza gremita alla rete del Palio, la ripartenza scommette sul turismo. Con la Cavalcata Fermo entra fra i Comuni medievali
di Chiara Morini
3 Minuti di Lettura
Martedì 2 Novembre 2021, 10:49

FERMO  - Piazza del Popolo piena di gente. Fermani e no, e anche turisti: tra Halloween e trekking urbano la città s’è mostrata in tutte le sue bellezze. E mentre locali e non (ri)scoprivano il centro storico, a Pistoia, nei giorni scorsi, la città è entrata nella rete dei Comuni medievali. Due giorni di vera festa per la città, quindi, che ha reso soddisfatti gli amministratori.


«Un bel lavoro di squadra – le parole dell’assessore al Turismo Annalisa Cerretani – per organizzare la festa di Halloween. Vedere nuovamente la piazza gremita, da persone di tutte le età, che si sono divertite con eventi adatti a grandi e piccini, è stato davvero bello». E un commento la Cerretani lo fa anche da mamma, svestendo momentaneamente i panni dell’assessore. «Da mamma di Marco, 5 anni – dice – posso dire, ad esempio, che le “letture mostruose” in biblioteca sono state bellissime. Dopo due ore sono usciti 18 bimbi con gli occhi contenti, anche del cappello di Halloween che avevano realizzato». Piccola nota di colore, che rende l’idea della festa che ha vissuto la città.

Non solo quello, però, perché c’erano altri giochi, ma nel weekend festivo di Fermo, è stato protagonista il trekking urbano. «Hanno partecipato – spiega la Cerretani – in moltissimi e ad un certo punto abbiamo intercettato anche un gruppo di Latina: ci han detto che la città è piaciuta davvero molto». Fin qui il ponte dei Santi trascorso, anche tra concerti e attività culturali che stanno riprendendo. E la ripresa, passerà anche per il teatro. Stasera parte la stagione di prosa. La ripresa in centro storico è in atto e, dice ancora l’assessore Cerretani, «di qui alla fine del mese gli eventi proseguiranno. In attesa, ma siamo in realtà già al lavoro, per gli eventi del prossimo Natale». Dopo Halloween, o meglio “Zuccafermo”, come è stato chiamato il pomeriggio del 31, e il trekking urbano, domenica tocca alla castagnata, poi a Di Vino in Vino e ancora alle castagne: 7 e 14 novembre. Pensando poi a Tozzi e Raf. E mentre assessori e consiglieri comunali sono (stati) impegnati in città, nei giorni scorsi, il consigliere comunale Massimo Tramannoni si è recato a Pistoia per rappresentare Fermo, nella firma di un protocollo di intesa con il quale si è costituita la rete dei Comuni medievali. Oltre a Pistoia, comune capofila, e Fermo, altri 14 centri di sette regioni diverse: Fucecchio, Serravalle Pistoiese, Pescia, Prato, Calenzano, Monteriggioni, Volterra, Anagni, Viterbo, Narni, Gradara, Incisa Scapaccino, Cairo Montenotte e Ariano Irpino.


«Si tratta – sottolineano il sindaco Paolo Calcinaro e l’assessore alla Cavalcata Mauro Torresi – di un progetto per mettere insieme forze e strategie per valorizzare luoghi, eventi e rievocazioni medievali». Tramannoni, ricordando anche la costituzione del direttivo, spiega che «l’obiettivo è condividere un calendario di eventi inerente festeggiamenti e rievocazioni medievali, con una rete di collaborazioni che duri nel tempo». Nei prossimi obiettivi della Rete vi sono la partecipazione alla Bit nei primi mesi del 2022 e l’organizzazione del festival medievale che il prossimo anno sarà a Viterbo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA