Jovanotti, la Lipu scrive anche al ministro: «Quanti danni, dovete spostare quei concerti»

Jovanotte, la Lipu scrive anche al ministro: «Quanti danni, dovete spostare quei concerti»
Jovanotte, la Lipu scrive anche al ministro: «Quanti danni, dovete spostare quei concerti»
di Domenico Ciarrocchi
3 Minuti di Lettura
Sabato 16 Aprile 2022, 03:40

FERMO  - Meglio il super show di Jovanotti o salvare il fratino? La Lipu non ha dubbi e torna alla carica chiamando in ballo anche il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. Meglio il fratino, ovviamente. Anzi: Jovanotti va anche bene, ma altrove.

 


Una battaglia che l’associazione aveva combattuto anche in occasione del concerto del 2019, il primo e finora ultimo dopo il gelo della pandemia. Sotto la lente anche il periodo di nidificazione dell’uccello, che ora si è spostato anche nella vicina Porto San Giorgio. All’epoca si ottenne anche uno slittamento dello show. Oggi, per evitare assembramenti eccessivi, lo spettacolo di inizio agosto raddoppia e già è scattato il conto alla rovescia per uno degli appuntamenti più importanti della bella stagione. Stefano Quevedo, presidente dell’associazione, ricorda che il piccolo trampoliere è già nella lista rossa degli animali “in pericolo”, la cui popolazione è in calo per l’eccesso di attività antropiche nelle spiagge. Una consistente fetta della spiaggia a nord del Royal è inaccessibile ai bagnanti, Poco male in condizioni normali, ma con l’assalto di migliaia di fan del cantante la musica cambierebbe.

Nella lettera la Lipu ricorda anche il lavoro svolto insieme alle associazioni ambientaliste e da alcuni tecnici, citando studi dedicati a queste operazioni, con il recupero di essenze vegetali in altre aree costiere protette della regione e del medio Adriatico. Evidenzia come l’operazione di recupero ambientale sia stata condotta anche sotto il patrocinio dello stesso Comune di Fermo, «cioè dall’ente che oggi, autorizzando il doppio concerto, distruggerebbe - dicono - il lavoro realizzato: è evidente come tale opera di ripristino ecologico verrebbe vanificata dal nuovo Jova Beach Party. Per questo si chiede al Ministero se non sia opportuno, secondo una giusta politica di difesa del patrimonio ambientale, impedire l’evento, o perlomeno evitare che venga effettuato in quell’area. L’ambiente delle spiagge va curato e preservato e la sua fruizione turistica e ricreativa dev’essere sostenibile».


La Lipu ricorda che «in questa direzione va tutto il lavoro svolto finora a Lido di Fermo dalle associazioni ambientaliste, un’azione che passa anche per una corretta informazione sull’ambiente dunale e sulle specie che lo frequentano. Le associazioni fermane hanno sistemato cartelloni illustrativi nell’area. Di segno contrario è autorizzare un concerto che porterà migliaia di persone. Il Jova Beach Party del 2019 ha creato un precedente deleterio, ha sdoganato a livello generale la possibilità di realizzare iniziative di qualsiasi genere anche in ambienti che andrebbero tutelati e protetti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA