Irruzione dei carabinieri in un casolare abbandonato: due minorenni fermati con la merce rubata

Martedì 4 Maggio 2021 di Veronica Bucci
Irruzione dei carabinieri in un casolare abbandonato: due minorenni fermati con la merce rubata

FERMO  - Proseguono i controlli da parte dei carabinieri della compagnia di Fermo. Nel bilancio complessivo due minorenni denunciati per il reato di ricettazione mentre un altro soggetto è finito nei guai per evasione dagli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE:

Sente rumori e teme un furto, ma trova in casa un giovane che gira nudo. Rocambolesca fuga dalla finestra

 

Per quanto riguarda i due giovanissimi, l’operazione è stata messa a segno a Montegranaro dove i carabinieri della locale stazione, coordinati dal luogotenente Giancarlo Di Risio, hanno sorpreso all’interno di un cascinale, in stato di abbandono, i due minori, uno residente a Montegranaro e l’altro nella vicina Monte San Giusto, trovati in possesso di oggetti atti allo scasso, una tanica di miscela, un decespugliatore e un vecchio motorino Piaggio Ciao, risultato rubato a un 53enne di Montegranaro che aveva denunciato il furto alla fine dello scorso mese alla stessa stazione dell’Arma di Montegranaro.

Gli oggetti sono stati posti sotto sequestro per i successivi accertamenti per accertarne la provenienza, mentre il ciclomotore è stato restituito al proprietario. I due minorenni sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per i minorenni di Ancona per il reato di ricettazione. Tutti e due sono poi stati riaffidati ai propri genitori.


L’altra operazione è stata messa a segno a Porto Sant’Elpidio dopo i carabinieri, in questo caso coordinati dal luogotenente Corrado Badini, durante i controlli nei confronti di persone sottoposte a misure restrittive hanno denunciato alla Procura di Fermo un giovane di 34 anni del luogo che, malgrado fosse agli arresti domiciliari, è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione mentre si accingeva a salire sulla sua auto. Nei suoi confronti, oltre alla denuncia per il reato di evasione, è stata avviata la proposta per l’aggravamento della misura cautelare. Specifici servizi per la prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio saranno eseguiti anche nei prossimi giorni,


Una particolare attenzione sia da parte dei carabinieri che delle altre forze dell’ordine continua a essere dedicata ai divieti legati al Covid. Con il passaggio in zona gialla sono cadute molte restrizioni come il divieto di spostamento fra Comuni diversi ma ne restano altre, dal coprifuoco dopo le ore 22 all’obbligo di girare con la mascherina, che sono ancora valide ma che vengono ignorate spesso, soprattutto da parte dei più giovani. Per questo si raccomanda di fare la massima attenzione: le multe sono molte salate e i controlli sono capillari soprattutto lungo le vie di maggiore comunicazione come la Statale Adriatica.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA