Bollette, rincari choc anche nel Fermano: morosi in aumento anche nei condomini

Bollette, rincari choc: i morosi in aumento anche nei condomini
Bollette, rincari choc: i morosi in aumento anche nei condomini
di PIerpaolo Pierleoni
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 06:20

FERMO  - Prezzi che schizzano in alto, morosi in aumento, mesi a venire che si prospettano sempre più duri. Anche nel mondo immobiliare e nei condomini, il caro bollette fa tremare. Amministratori di condominio e associazioni di categoria guardano con preoccupazione ai prossimi scenari, tentando, laddove possibile, soluzioni per arginare la crisi.

 


La posizione


Secondo Renzo Paccapelo, presidente regionale di Confabitare, «la situazione è estremamente complicata. Oggi l’aspetto più allarmante è la diffusa morosità in condominio. In alcuni casi si spende ancora come se non stesse accadendo nulla, invece siamo di fronte ad un problema sociale enorme. Serve ridurre tutte le spese non strettamente necessarie, lavorare con i fornitori per strappare condizioni un po’ più favorevoli, contrattare sui costi dei servizi. Vanno superati i prossimi 5 mesi, sperando di avere un inverno mite e che l’Europa non sia matrigna». Secondo Paccapelo, alcuni margini di manovra ci sono.


L’ambiente


«Sui pannelli fotovoltaici c’è stata una liberalizzazione, ma spesso i tempi per le autorizzazioni richiedono ancora mesi. Inoltre, c’è ancora troppo squilibrio da parte del Gse, perché l’energia che si paga, oltre a quella autoprodotta, costa molto di più. Servirebbe investire di più sui giacimenti di gas che abbiamo in Italia, incentivare le comunità energetiche ed investimenti su energia green come ha fatto la Puglia per il nocciolino di olive». Mirco Catini di Domus Aurea evidenzia a sua volta il consistente aumento delle utenze. «I rincari oscillano tra il 35 ed il 50% e non si ottiene molto cambiando fornitori, perché in questa fase le differenze sono davvero minime. Nel nostro caso, la gestione di un numero consistente di condomini è un punto di forza, perché riusciamo ad ottenere qualche piccola differenza da parte dei fornitori per contenere i prezzi. Un rincaro c’è stato comunque, ma contenuto nell’ordine del 20-30%.

Le difficoltà economiche purtroppo fanno crescere le morosità, tante famiglie faticano oggettivamente a pagare e per quanto possibile cerchiamo di andare incontro a chi non ce la fa, ad esempio concordando una cifra mensile da corrispondere al posto di una rata ogni 3-4 mesi». L’Asppi Fermo, associazione piccoli proprietari immobiliari, ha concluso accordi, come riferiamo in maniera più approfondita nell’altra pagina, per cercare di garantire servizi e assistenza a costi contenuti.


Il periodo


«Ci aspetta un periodo durissimo, dobbiamo fare di tutto per dare ai proprietari di immobili mezzi e strumenti. Oggi tante famiglie rischiano di non riuscire a pagare ed i numeri di chi ne risentirà, in primo luogo pensionati, sono sottostimati – commenta il presidente regionale Asppi Sandro Serena - Abbiamo previsto misure a tutela dei proprietari e anche un accordo con l’associazione Osservatorio immobiliare».Asppi annuncia anche «accordi con imprese e artigiani che darà assistenza privilegiata per opere di ordinaria e straordinaria amministrazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA