Tre contagi alla cancelleria penale, sospese le udienze in tribunale. Il focolaio malgrado le ultime vaccinazioni

Martedì 23 Marzo 2021 di Laura Meda
Tre contagi alla cancelleria penale, sospese le udienze in tribunale. Il focolaio malgrado le ultime vaccinazioni

FERMO - Il Covid entra al tribunale di Fermo. Ben tre dipendenti della cancelleria penale sono risultati positivi al tampone molecolare. Come lo scorso anno la pandemia ferma nuovamente la macchina della giustizia nella nostra provincia. Sospese da ieri e fino al 27 marzo compreso, sabato prossimo, tutte le udienze penali e civili.

LEGGI ANCHE:

«La cura con gli anticorpi monoclonali è molto efficace». Carloni visita Marche Nord

 

Una misura precauzionale forte ma dovuta, dicono dal tribunale di Fermo, una misura  disposta ieri pomeriggio dallo stesso presidente del tribunale Bruno Castagnoli in accordo con la Procura e di concerto con gli avvocati fermani. Garantite di fatto solo le udienze urgenti con imputati detenuti e le attività non in presenza. Sospese e rinviate tutte le attività dibattimentali, comprese le udienze davanti a Gip e Gup.

 A nulla è valsa la copertura vaccinale, disposta nei confronti dei dipendenti del tribunale, categoria rientrante tra i servizi essenziali. Nelle scorse settimane infatti tutto il personale era stato sottoposto alla profilassi con AstraZeneca. Secondo indiscrezioni però non tutti avrebbero aderito alla campagna vaccinale e, forse, proprio questa scelta potrebbe essere alla base del piccolo focolaio sviluppatosi nei giorni scorsi all'interno della cancelleria penale.

Di fatto i colleghi dei tre positivi sono in quarantena, è stato garantito solo un presidio di tre persone per le urgenze penali. Al lavoro invece tutti gli impiegati della cancelleria civile che si trovano in un piano differente e in uffici lontani da quelli dei colleghi del Penale. Niente udienze comunque anche nel Civile, proseguono solo le cause che prevedono la trattazione scritta. Non è escluso che nelle prossime settimane il provvedimento venga prolungato o che si proceda, come lo scorso marzo, con processi e udienze in videoconferenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA