Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bottigliate contro la polizia, il prefetto convoca il Comitato per la sicurezza. L'assessore: «Facciamo molto ma non basta»

Polizia e carabinieri durante i controlli a Lido Tre Archi
Polizia e carabinieri durante i controlli a Lido Tre Archi
di Francesca Pasquali
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Agosto 2021, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 14:53

FERMO - Se gli chiedi se, sull’escalation criminale a Lido Tre Archi, il Comune è impotente, il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Mauro Torresi, ti risponde di no. Dice, piuttosto, che l’amministrazione sta facendo tutto il possibile, ma che non basta. Perché non ha i mezzi e le forze necessari. E perché, quando ci ha provato a mettere un vigile urbano nel quartiere, ha dovuto riportarlo alla base, «per sicurezza».

 
Lo scenario
Le vicende degli ultimi giorni – la turista aggredita da un extracomunitario e le bottigliate, da parte di altri due, alle forze dell’ordine che lo stavano bloccando – hanno fatto ripiombare Tre Archi nel caos. La prefetta Vincenza Filippi ha convocato, per domani, il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Intanto, si torna a parlare del presidio fisso di polizia, invocato da più parti. «Da soli non possiamo fare qualcosa di risolutivo. Negli anni, abbiamo aumentato le telecamere e attivato il progetto di vicinato. Andiamo avanti con la riqualificazione. Leo Sciamanna (il super-commissario nominato dal Comune, ndr) ci dà una grossa mano. Con gli amministratori dei condomini il dialogo è continuo, ma non è una situazione facile», spiega Torresi. Impossibile dire in quanti vivono nel quartiere delle 43 etnie. Gli irregolari non sono censiti. Uno spiraglio potrebbe arrivare dal Superbonus. Sulla scia dell’Hotel House, diversi amministratori di condominio starebbero ragionando sulle riqualificazioni. Che – spera il Comune – porteranno a galla il sommerso. Alla richiesta di dimissioni chieste dal comitato Corta, Torresi non replica. Alla turista colpita al volto da una pietra, che ha minacciato di denunciare il Comune, esprime solidarietà. «Ci sono periodi molto tranquilli – spiega l’assessore – e altri meno. Da un anno, sono partiti i controlli interforze. Tutti stanno facendo qualcosa. Noi continuiamo a fare quello che possiamo, ma non basta, perché la situazione è incancrenita. Torneremo a chiedere il posto fisso di polizia. Spero che un domani si possa avere».


Le reazioni
Le reazioni politiche non si sono fatte attendere. «Che vi sia un problema serio in quel quartiere è sotto gli occhi di tutti e non possiamo voltarci dall’altra parte», dice il capogruppo di Fermo Capoluogo, Renzo Interlenghi. Per il quale «le istituzioni debbono far sentire il peso del ruolo che svolgono, ma l’azione non può essere demandata alle sole forze dell’ordine che fanno tutto quello che è nelle proprie possibilità». «Sono certo – prosegue Interlenghi, tendendo la mano alla maggioranza – che il sindaco e l’assessore Torresi stiano tentando di fare fino in fondo la loro parte e mi rendo conto che è un problema più grande di noi. Proprio per questo, solamente uniti potremo risolverlo. Insistiamo, allora, affinché, immediatamente, venga installato il posto fisso di polizia e garantiamo gli spazi di socialità». Punta il dito contro il progetto di riqualificazione del Comune, invece, il consigliere del Pd Paolo Nicolai. «A Lido Tre Archi – scrive in un post pubblicato sui social – sono stati investiti quasi otto milioni da parte del governo Renzi/ Gentiloni, ma non è mai stato pubblicamente chiaro come l’amministrazione voglia spendere quella cifra e se è in grado di avere un’idea determinata di visione della costa a nord della nostra città». «La situazione – prosegue la nota – è delicata. Credo non si possa più continuare a esaltare le piccole, seppur importanti, questioni per accrescere un consenso fine a se stesso per il futuro del capoluogo, ma ci si debba concentrare con competenza sulle politiche di ampio respiro e portarle a compimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA