Set nel salotto cittadino, è uscito il trailer del film. Presto nelle sale “Criminali si diventa”

Set nel salotto cittadino, è uscito il trailer del film. Presto nelle sale Criminali si diventa
Set nel salotto cittadino, è uscito il trailer del film. Presto nelle sale “Criminali si diventa”
di Chiara Morini
4 Minuti di Lettura
Martedì 12 Aprile 2022, 07:05

FERMO  - Tanto Fermo e un po’ del resto delle Marche: la data del 5 maggio è da segnare in calendario. È il giorno di uscita nelle sale di “Criminali si diventa”, il film girato a Fermo lo scorso anno, che sarà presto nei cinema. Il progetto è stato presentato alla fine del mese di aprile 2021, il primo ciak a metà maggio, e l’ultimo l’11 giugno.

Per gli appassionati, per i curiosi, per chi proprio non può fare a meno di aspettare, in giro per la rete è uscito il trailer, per la promozione. Già lì si vedono i luoghi principali di Fermo coinvolti nelle riprese, dagli interni nei locali a due belle vedute di palazzo dei Priori, una aerea e una della facciata, che annunciava, nella finzione del film, la presenza di un’importante opera d’arte, La Muta di Raffaello. Ancora la Sala dei Ritratti e una bella e ampia veduta di piazza del Popolo, ad anticipare tutti gli altri luoghi fermani e non solo ripresi per le scene del film.


«Una bella promozione per Fermo – il commento del sindaco Paolo Calcinaro –: nel film ci sono tutte le bellezze e i locali della città. Ci sono i nostri scorci, i nostri vicoli, e persino immagini della Cavalcata». La storia del film, action comedy diretta da Luca Trovellesi Cesana e Alessandro Tarabelli, è ormai nota, se ne è parlato molto lo scorso anno, durante le riprese. C’è da organizzare un furto, un quadro molto importante di inestimabile valore, e si mette su una squadra, un gruppo di persone che a modo proprio contribuirà in base alle proprie competenze. Sarà protagonista Enzo, interpretato da Ivano Maresconi, ex gaelotto imprigionato proprio per un furto d’arte, e sua nipote Elettra, alias Martina Fusaro. Accanto a loro, tra i vari nomi, anche Ugo Dighero e Lodo Guenzi. «Il giorno del furto – dice Calcinaro – è proprio il giorno della festa dell’Assunta, quindi della Cavalcata».

Tra le riprese del film, lo scorso anno, ci fu anche la sfilata della rievocazione storica fermana. Ha destato molta curiosità in città la presenza del cast, che ha molto gradito la permanenza nel Fermano: particolarmente apprezzati gli ambienti, i paesaggi, l’accoglienza. Un film made in Marche, con maestranze tutte marchigiane. Una storia creata per le Marche, che lo sceneggiatore Giorgio Vignali, l’ultimo giorno di riprese, raccontò di aver imparato a conoscere da piccolo quando veniva insieme a suo padre che viaggiava nella nostra regione per lavoro.

Finite le riprese, il film è stato presentato in alcuni festival, compreso l’auditorium del museo M9 di Mestre, nell’ambito del festival del cinema di Venezia, edizione 2021. Ora non resta che segnare i giorni di calendario per l’uscita del film che mostrerà Fermo e le Marche in tutte le sale cinematografiche dove andrà. Promozione della città? Sicuramente e, commenta Calcinaro, «il Comune di Fermo ha investito contribuendo come può fare un Comune. Ora senza lo spettro del Covid, nelle sale sarà tutto più semplice». Magari con un evento lancio o un’iniziativa che coinvolga direttamente la città di Fermo nei giorni dell’uscita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA