La difficile vita di Paolo, stroncato da un malore in strada: muore a 52 anni a due passi dalla fermata del bus

Martedì 6 Aprile 2021
La difficile vita di Paolo, stroncato da un malore in strada: muore a 52 anni a due passi dalla fermata del bus

FERMO - C’era scritto via dell’Arcobaleno sul documento che Paolo Sansolini, 52 anni compiti a dicembre, portava con sé. L’hanno preso i carabinieri, quando l’uomo era ormai morto. Stroncato da un malore a due passi della fermata dell’autobus di via XX Settembre, subito dopo il curvone. Quando è arrivata l’ambulanza della Croce Verde, non c’era più niente da fare. Il personale sanitario ha provato a rianimarlo, ma ogni tentativo è stato inutile.

Per più di due ore, il corpo dell’uomo, che viveva a Santa Petronilla, è rimasto sul marciapiede, coperto da un telo azzurro, sotto lo sguardo dei passanti e di chi prendeva o scendeva dai bus. Carabinieri e vigili urbani arrivati sul posto hanno controllato le generalità. Di solito, via dell’Arcobaleno è uno degli indirizzi fittizi che i Comuni danno ai senza fissa dimora. Ma Sansolini non era seguito dai Servizi sociali. Una casa ce l’aveva, anche se in passato aveva avuto problemi e per un po’ aveva mangiato alla mensa del Ponte.

Negli ultimi tempi, però, si era rimesso in carreggiata. Faceva il volontario nella parrocchia di Santa Petronilla e andava avanti con dei lavoretti saltuari. Stamattina, stava camminando lungo via XX Settembre, quando all’improvviso si è sentito male. Una donna che si trovava lì ha raccontato di averlo visto accasciarsi a terra. I soccorritori, arrivati poco dopo, non hanno potuto fare niente per salvarlo.

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 08:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA