Fermo, sale sul cornicione e minaccia
di lanciarsi nel vuoto: ragazzo salvato

Fermo, sale sul cornicione e minaccia di lanciarsi nel vuoto: ragazzo salvato
1 Minuto di Lettura
Lunedì 6 Maggio 2019, 10:31

FERMO - «Mi tuffo di sotto, la faccio finita». Erano le 21.30 di sabato sera quando a Marina Palmense è scattato l’allarme per un uomo che si è arrampicato sul cornicione di una palazzina, minacciando di uccidersi. A dare l’allarme alcuni residenti che hanno chiamato la centrale operativa del 118 . La tempestività dell’intervento di forze dell’ordine e soccorritori probabilmente è stata decisiva per evitare che si consumasse un dramma della disperazione. Sul posto si sono precipitati carabinieri, vigili del fuoco e militi della Croce azzurra di Porto San Giorgio, che si sono portati ai piedi dell’edificio, dove l’uomo, sui 30 anni, visibilmente scosso, restava in bilico, a un passo dal vuoto. Il trentenne sembrava non volerne sapere di recedere dai suoi intenti autolesionisti e ammoniva i soccorritori a non avvicinarsi, o si sarebbe gettato. Mentre medico e personale sanitario erano pronti a intervenire per prestare le eventuali cure in caso di caduta, il dialogo è proseguito, cercando in primo luogo di calmare l’uomo, che appariva molto nervoso, e di farlo ragionare. Alla fine, il trentenne si è lasciato convincere e dopo una prolungata trattativa, si è riavvicinato alla finestra da cui si era sporto ed è rientrato, lasciandosi assistere dai soccorritori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA