Fermo, prelievi col bancomat rubato:
due ragazzi nei guai, uno è minorenne

Sabato 24 Agosto 2019 di Irene Natali

FERMO - Minorenni scatenati, è fra le emergenze dell’estate. L’ultimo caso riguarda due giovanissimi, uno under 18 e l’altro poco più grande, che sono stati segnalati dai carabinieri della stazione di Fermo a seguito della denuncia del furto di un portafoglio ai danni di un uomo del luogo.

Usano il bancomat rubato: trovati e denunciati tre topi d'appartamento

A conclusione delle indagini i militari dell’Arma, dopo aver verificato che erano stati effettuati alcuni prelievi di denaro con il bancomat trafugato all’uomo, hanno infatti identificato e segnalato alla procura della Repubblica di Fermo e alla procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Ancona, due giovani, di cui uno appunto ancora minorenne, i quali con il bancomat rubato all’interno del portafoglio avevano effettuato diversi prelievi di denaro.
 
L’identificazione dei giovani è stato possibile grazie all’esame dei sistemi di videosorveglianza sui bancomat scelti dai ragazzi per andare a prelevare i soldi. Il derubato aveva infatti lasciato il codice di accesso all’interno dello stesso portafoglio e i ragazzi erano riusciti quindi a prelevare i soldi.

Ma non avevano fatto i conti con le telecamere che si trovano all’esterno degli istituti di credito per monitorare i movimenti dei clienti allo sportello del bancomat. Entrambi i ragazzi sono stati denunciati per furto e indebito utilizzo di carta di credito. L’episodio si aggiunge alle segnalazioni in cui sono rimasti coinvolti, durante la bella stagione, numerosi minorenni protagonisti di atti vandalici e ubriachezza molesta (in particolare sulla costa, a Porto San Giorgio) ma soprattutto di un episodio che abbiamo riferito nei giorni scorsi, relativo a una baby gang in azione a Torre San Patrizio. In questo caso il ragazzo più grande ha soltanto 13 anni. Alcuni genitori segnalano poi feste in spiaggia dove ragazzi abbondantemente sotto la maggiore età si ubriacano e rischiano il coma etilico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA