Addio a Rogante, aveva 71 anni: a Fermo un nuovo lutto colpisce politica e sport

Lunedì 30 Novembre 2020 di Paolo Gaudenzi

FERMO - All’età di 71 anni si è spento Sergio Rogante, polivalente figura cittadina nei decenni scorsi diviso tra l’impegno istituzionale e la passione per la Fermana Calcio di ogni tempo. Consigliere comunale negli anni ‘80, tra le fila del Partito Repubblicano al fianco dell’allora sindaco Francesco De Minicis, ha rappresentato un punto di riferimento per la città, e non solo, del movimento “Prima Repubblica” di Giovanni Spadolini ed Ugo La Malfa.

Nell’ultima consultazione elettorale di settembre si è speso come collaboratore a sostegno del riconfermato primo cittadino Paolo Calcinaro. Ex funzionario nel settore sanitario quale economo dell’ospedale di Fermo, i più lo ricordano come dirigente sportivo gialloblù. Un impegno abbracciato per la prima volta a cavallo tra il 1985 e il 1987, momento in cui la società aprì all’azionariato popolare.

Negli anni scorsi, nel 2012, eccolo di nuovo in sella al sodalizio canarino insieme ad Emanuele Corradi e all’imprenditore Giorgio Fabiani, triumvirato alla guida di un’annata sportiva culminata con il passaggio dall’Eccellenza alla Serie D con la vittoria della Coppa Italia nella finale nazionale disputata a Rieti. Indelebile nei ricordi per i tifosi l’1-0 inflitto al Cerignola da Mangiola allo scadere del tempo.

La stagione successiva, nella rinnovata compagine societaria identificata nell’attuale Fermana Football Club, rimase al fianco del sodalizio guidato da Maurizio Vecchiola, per il torneo di Serie D 2013/14. Storia del tutto recente la sua nomina a presidente del comitato per i festeggiamenti in onore del centenario della Fermana Calcio 1920, con appuntamenti celebrativi ancora da svolgersi.

La sua passione per il calcio lo portò anche a fondare il Milan Club Fermo, circolo dove ricoprì la massima di carica di presidente. Cordoglio espresso pubblicamente dal numero uno della Fermana, Umberto Simoni, dal main sponsor Maurizio Vecchiola e dal direttore generale gialloblù, Fabio Massimo Conti. Parole di sentito commiato anche da parte del sindaco Paolo Calcinaro, confermate anche dall’assessore allo sport, Alberto Maria Scarfini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA