Il pericolo truffe ora corre sul web: sconfinata la serie di stratagemmi

Lunedì 20 Gennaio 2020
Il pericolo truffe ora corre sul web: sconfinata la serie di stratagemmi

FERMO - Il pericolo truffe corre sul web, come al campanello di casa o lungo le strade. Cresce l’allarme per la miriade di raggiri, tentati o consumati, attraverso una sconfinata serie di stratagemmi, alcuni ormai datati e piuttosto prevedibili, altri ben più “professionali” e studiati. L’ultimo episodio, che ha visto impegnata la polizia nei giorni scorsi a Porto San Giorgio, ha portato ad identificare un giovane che con una scusa si era introdotto in un’abitazione, per poi trafugare un portafogli e dileguarsi. La stessa persona, risultata responsabile di decine di colpi in tutta Italia, aveva tentato anche di accedere a due hotel della città, spacciandosi per figlio della persona che occupava una stanza. Preziosa la videosorveglianza, che ha permesso di ricostruire in modo dettagliato i movimenti dell’astuto malvivente e di individuarne i tratti somatici. Ma è una goccia nel mare. Non è ancora in disuso, anche se ormai nota a chiunque, la truffa dello specchietto, antico trucco che cerca di incastrare ingenui automobilisti, simulando un danno alla vettura per ricevere soldi cache come risarcimento e chiudere rapidamente la pratica. 

LEGGI ANCHE: La Direzione investigativa antimafia: nelle Marche pendolari criminali con armi da guerra ed esplosivo

E’ una truffa conosciuta da decenni, eppure appena qualche giorno fa si sono denunciati nel Fermano nuovi episodi. Per non parlare di sedicenti agenti commerciali, che hanno gabbato piccoli imprenditori e negozianti, vendendo falsi spazi pubblicitari in locali pubblici senza aver alcun mandato. Tra i ristoratori, invece, è diventata ormai conosciuta, la truffa del vino. Va detto che ormai i cittadini hanno tendenzialmente alzato la guardia. All’ordine del giorno le segnalazioni a mezzo social di chi mette in guardia la collettività per il passaggio di sedicenti incaricati da parte di enti o società di servizi pubblici. Vittime predilette sono sempre gli anziani, ritenuti più facili da circuire. I più sono ormai abituati a diffidare di qualunque sconosciuto, ma spesso i truffatori riescono ad aprire uno spiraglio toccando gli affetti. 

Quando fingono di conoscere figli o famigliari, capita che riescano a vincere le resistenze ed irretire le prede. Un capitolo a parte viene dalle truffe online che segnano un’impennata. Dal classico “pacco”, di chi si fa consegnare del denaro per merce che non arriverà mai, si passa a trucchi più elaborati, che riescono ad accedere ai conti correnti degli ignari truffati. Difficile difendersi da tutte le potenziali insidie. Quanto al web, la raccomandazione delle forze dell’ordine è quella di prestare la massima cautela, verificare la credibilità degli utenti con cui si perfezionano compravendite, diffidare di proposte anomale e utilizzare piattaforme online note e certificate.

Ultimo aggiornamento: 11:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA