Geometra diventa imprenditore e nel garage del padre produce portafogli che vende nel mondo

Martedì 15 Giugno 2021 di Massimiliano Viti
Francesco Ripani

MONTE URANO -  Un diploma da geometra, il lavoro (che non soddisfa in pieno) nella calzatura, l’attesa dell’esito di un concorso pubblico e un hobby, quello di realizzare portafogli. Poi arriva la pandemia che Francesco Ripani, 32 anni, trasforma in una spinta positiva per il suo futuro.

LEGGI ANCHE:

Allarme incendio sul monte Conero, brucia la vegetazione: sul posto i vigili del fuoco con quattro mezzi

Una vongolara imbarca acqua al largo: scatta l'allarme, ma riesce a rientrare senza affondare

 

Converte il garage dove il padre realizza le scarpe in un laboratorio per la produzione di portafogli in pelle, che disegna e fabbrica completamente a mano. E nel giugno di un anno fa fonda Leather Things. 


La riconversione
«Un giorno ho provato a fare un portafogli per me ed è riuscito bene, così, verso la fine del 2019 ho fatto delle prove. L’attività mi piaceva e ha cominciato a pensare ad un futuro nel settore della pelletteria» racconta il giovane monturanese che punta su qualità, sostenibilità e personalizzazione del prodotto per attirare i clienti. Gli strumenti sono i social, in particolare Instagram, e le vendite online. Francesco, per ora fa tutto da solo. Dalla progettazione del prodotto fino al marketing e alla vendita. I portafogli vengono realizzati esclusivamente e completamente a mano. «Impiego dalle 3 alle 4 ore e mezza per realizzare un portafoglio» afferma Francesco che in una fase di lavorazione utilizza 6 grane di carta vetrata, poi il prodotto viene rifinito da alcune pomate e cere particolari che arrivano dal Giappone. Proprio reperire l’attrezzatura adatta per la produzione è stata una difficoltà incontrata da Francesco: «Alcuni attrezzi che utilizzo arrivano dalla Corea, altri dal Giappone. Un’altra difficoltà è stata individuare il tipo di pellame adatto. Mentre la più recente è arrivata con la piattaforma online a cui mi ero appoggiato. Sono corso ai ripari e sto realizzando un e-commerce di proprietà».

 
L’e-commerce
Il giovane imprenditore racconta anche le prime esperienze con le vendite online, con i clienti che volevano vedere un video in diretta per accertarsi delle modalità di produzione del portafogli. Oppure delle richieste di informazione che arrivavano a mezzanotte: «Rispondevo la mattina seguente ma il potenziale cliente aveva già comprato altrove» conferma Francesco che poi aggiunge: «In base alla mia esperienza, servono una piattaforma e una procedura d’acquisto snella e veloce. Il cliente non vuole perdere tempo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA