Ospedale, nuovo step: via ai lavori della Ciip. Sotto esame la struttura di Campiglione, dopo l’estate Consiglio sulla variante

Venerdì 18 Giugno 2021 di Chiara Morini
Ospedale, nuovo step: via ai lavori della Ciip. Sotto esame la struttura di Campiglione, dopo l estate Consiglio sulla variante

FERMO  - Prosegue l’iter che tra il nuovo ospedale e la ridefinizione urbanistica cambierà il volto a Campiglione. L’ospedale innanzitutto, perché i lavori vanno avanti e nei giorni scorsi il Comune ha approvato l’accordo di programma tra le varie istituzioni coinvolte nella procedura, che doterà di reti idrica e fognaria, la nuova struttura: si procederà prima alla progettazione e poi alla sua realizzazione.

 


Un accordo che non va a incidere negli strumenti urbanistici e dunque non necessita di ratifica del Consiglio. Cosa che sarà invece necessario fare per la variante che ridefinirà il quartiere. In base all’accordo di programma per le reti idriche e fognarie, la Regione finanzierà le attività di progettazione e realizzazione delle infrastrutture trasferendo le risorse, non più di 800mila euro, all’Ambito territoriale 5 Ascoli e Fermo. L’Ato a sua volta provvederà a girare le risorse al gestore Ciip spa, mentre il Comune, che rimane proprietario delle reti, le metterà a disposizione della Ciip. Sarà poi la Ciip stessa a progettare e realizzare le tubature e le fognature. La fase progettuale, che si concluderà con la redazione del documento esecutivo, dovrà concludersi entro settembre.

I tempi sono più o meno gli stessi anche per l’avvio della procedura di approvazione della variante per Campiglione, che dovrebbe approdare in prima istanza nel Consiglio dopo l’estate. Si terrà conto dello studio che Nomisma sta facendo nella zona e nel territorio dei Comuni circostanti e, mentre i lavori dell’ospedale vanno avanti, proseguono anche gli incontri. «Abbiamo incontrato il tavolo di sviluppo della Provincia – spiega il sindaco Paolo Calcinaro –. Alla riunione c’era anche Nomisma, e abbiamo voluto confrontarci con sindacati, ordini professionali, associazioni di categoria, come Cna, Confartigianato, Confcommercio, per condividere idee sulla nuova visione da dare a Campiglione».


Una visione urbanistica globale, quindi, come negli intenti dell’amministrazione di condividere il più possibile con tutti i soggetti interessati. «Anche con la minoranza, andremo in commissione per condividere e anche recepire eventuali suggerimenti ed indicazioni» assicura il sindaco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA