Fermo, offese e minacce su Facebook al responsabile dell'osservatorio astronomico: denunciato

Lunedì 3 Agosto 2020 di Pierpaolo Pierleoni
Fermo, offese e minacce su Facebook al responsabile dell'osservatorio astronomico: denunciato

FERMO - Aveva insultato e minacciato a mezzo social a più riprese il responsabile dell’Osservatorio astronomico elpidiense. Ora dovrà rispondere dei suoi post ingiuriosi in tribunale.

LEGGI ANCHE:
Ragazzo di 28 anni trovato morto in casa: il Coronavirus non c'entra

Invita nella casa al mare la sua alunna preferita, 16 anni, e ci fa sesso. Professoressa di italiano arrestata

E’ stato denunciato con l’accusa di diffamazione e minacce un uomo che attraverso Facebook aveva usato espressioni lesive del decoro. La vittima, dopo i primi post, ha deciso di difendersi, temendo che dalle parole la situazione potesse degenerare.
 
Questa è solo una delle numerose attività portate a termine negli ultimi giorni dai carabinieri della compagnia di Fermo, che hanno denunciato altre 4 persone. A Montegranaro, nei guai un marocchino, pregiudicato e clandestino, che visibilmente ubriaco molestava gli avventori di un bar.
Il numero
Sono serviti i militari di ben 2 stazioni, Montegranaro e Monte Urano, per placarlo. I controlli hanno accertato che non avrebbe neanche dovuto trovarsi in Italia, perché colpito da provvedimento di espulsione emesso dal questore. Così è stato accompagnato al centro di permanenza di rimpatri ed è scattata la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, ubriachezza molesta, ingresso illegale nello Stato. Irregolarità a Monte Urano per un cittadino del posto, che deteneva una pistola ed un fucile, ma aveva spostato le armi in un’altra abitazione senza darne comunicazione alle autorità. Si è proceduto così al sequestro con tanto di accusa per omessa ripetizione di denuncia. A Pedaso, ritrovata durante ordinari controlli una bicicletta di cui si era denunciato il furto nei giorni scorsi. Stava pedalando in sella un pregiudicato del posto, obbligato a cederla immediatamente all’Arma, che l’ha restituita al titolare, mentre per chi la guidava ora scatta la denuncia per ricettazione. Si finisce a Porto San Giorgio, con la denuncia di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità per un uomo che era uscito malgrado pendesse su di lui un ordine di permanenza notturna in abitazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA