Blocca la fila alle Poste perchè si rifiuta di esibire il Green pass. Arriva la Polizia: lo mostra ma non evita denuncia

Blocca la fila alle Poste perchè si rifiuta di esibire il Green pass. Arriva la Polizia: lo mostra ma non evita denuncia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Marzo 2022, 14:01

FERMO  - Nuono vuole mostrare il Green pass, denunciata un donna di 50 anni per interruzione di pubblico servizio e rifiuto di fornire le proprie generalità. È successo in un ufficio postale di Fermo dove il rifiuto della donna ha provocato code e malumori tra gli altri clienti. Solo dopo l'intervento della Polizia ha mostrato il Green pass. Troppo tardi.

Covid, nelle Marche 2.415 positivi: incidenza in calo per una settimana di fila. Età e province, dove il virus corre/ Il trend

La Polizia di Fermo è intervenuta presso un ufficio postale nel quale era stata segnalata la presenza di una persona che ostacolava il corretto svolgimento delle attività di servizio a favore dell’utenza. Giunti sul posto, i poliziotti hanno individuato una donna di circa cinquanta anni che aveva bloccato la fila delle persone in attesa dietro di lei; il motivo era il rifiuto di allontanarsi malgrado perseverasse a non esibire la certificazione verde Covid-19. La donna, immobile nella sua posizione, ha dichiarato ai poliziotti che la richiesta del Green Pass da parte dell’addetta allo sportello stava violando la sua privacy, ed alla richiesta di documenti di identificazione la stessa ha opposto il proprio costante rifiuto, agitandosi visibilmente e pronunciando frasi senza senso. È stato pertanto richiesto l’ausilio di personale sanitario solo dopo l’arrivo del quale, chissà per quale arcano meccanismo mentale, la donna ha esibito la certificazione verde e il documento di identità. La cliente ha poi effettuato l’operazione allo sportello, liberando la fila delle arrabbiate persone in coda. Al momento dell’uscita dall’ufficio è stata compiutamente identificata dagli operatori della Volante e denunciata alla Procura della Repubblica per i reati di interruzione di pubblico servizio e rifiuto di fornire le proprie generalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA