«Sono del Regno di Gaia e non pago il bollo»
Multato, girava anche con targa taroccata

«Sono del Regno di Gaia
e non pago il bollo». Multato,
girava con targa taroccata
di Veronica Bucci
FERMO - Proseguono i controlli della sezione di Polizia Stradale di Fermo sulle strade della provincia per contrastare l’abuso di alcol e sostanze stupefacenti durante la guida. Nel corso del fine settimana, infatti, sono stati predisposti specifici posti di controllo finalizzati a perseguire comportamenti pericolosi alla guida, spesso causa di incidenti, come quello di mettersi alla guida di un veicolo dopo aver bevuto bevande alcoliche o assunto sostanze stupefacenti.

Il bilancio
Il bilancio dei controlli è importante, sono state identificate 123 persone e fermati 95 veicoli i cui conducenti sono stati tutti sottoposti ai controlli per l’abuso dell’alcol e della droga in conseguenza dei quali sono state contestati 15 violazioni al codice della strada di cui 10 di natura penale. Sette invece sono stati i conducenti multati e denunciati, avevano tutti meno di 25 anni e di questi due avevano assunto anche sostanze stupefacenti. Nel corso del servizio sono state ritirate anche 15 patenti di guida e detratti complessivamente 239 punti dalle patenti.

I controlli
Durante i controlli effettuati gli agenti si sono incappati anche in un cittadino privo di documenti alla guida di una autovettura con targa che riportava la dicitura “Regno di Gaia”. Si tratta di cittadini che hanno proclamato la loro sovranità, rivendicano il diritto a esercitare il libero arbitrio, e dunque disconoscono la Repubblica Italiana e qualunque sua emanazione, autorità pubblica, forze dell’ordine, tribunali compresi. Il conducente è stato quindi sanzionato per tutta una serie di infrazioni al codice della strada. I controlli vanno avanti serrati dall’inizio della stagione estiva con l’obiettivo di contenere il fenomeno dell’abuso di alcol e droga al volante e prevenire le stragi del sabato sera. Sempre più giovanissimi, e sempre più spesso, si lasciano andare all’alcol e all’uso di droghe leggere, incuranti dei rischi che si corrono quando poi bisogna mettersi al volante di un’auto.

L’appello
Anche per questo i controlli diventano sempre più stringenti e puntuali. ristati ottenuti dalla polizia stradale nell’ultimo weekend testimonia quanta importante sia la prevenzione su questi delicati temi che coinvolgono migliaia di ragazzi e ragazze di tutte le età. L’appello delle forze dell’ordine resta immutato: non bere alcol e non fare uso di alcuna droga prima di mettersi alla guida, rispettare sempre e comunque i limiti di velocità e non usare mai il cellulare quando si è al volante. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 2 Ottobre 2019, 11:24 - Ultimo aggiornamento: 02-10-2019 11:24

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO