Fermo, i lupi selvaggi ora fanno paura
Un'altra strage di pecore a Montegiorgio

Il pastore con il veterinario
Il pastore con il veterinario
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Dicembre 2017, 05:35
FERMO - Non solo a Monterubbiano sono arrivati i lupi per azzannare pecore e agnelli. Un paio di giorni prima c’era stata un’altra strage di ovini a Montegiorgio. Lo dice il veterinario Maurizio Amici che  stato a Montegiorgio a effettuare il sopralluogo e la conta degli animali morti e ieri pomeriggio è tornato a Monterubbiato dagli Scartozzi, Fabrizio e Gianna, fratello e sorella. I due pastori sono rimasti con 137 pecore delle 200 che avevano prima che il branco di lupi attaccasse il gregge. E gli animali rimasti che sono stati feriti continuano a morire in queste ore. E’ stata una carneficina: almeno venti agnellini e una trentina di pecore sono morte, altre sono disperse e difficilmente la supereranno. E’ una perdita immane per i pastori di Monterubbiano. «Piango da giorni, non ho più lacrime» dice Gianna, la pastorella, mamma di due bambini preoccupata anche per il figlioletto più piccolo perché i lupi hanno aggredito il fratello Fabrizio, erano in sette. Cosa potrebbero fare davanti a un bimbetto? In termini economici il danno supera abbondantemente 12mila euro viene riferito, ma sul piano umano la perdita è immensa. 
Per gli Scartozzi, che vivono sotto il paese in una collinetta che sembra un angolo di paradiso, le bestie rappresentano tutto: il lavoro, il sostentamento, la vita. Queste persone amano i loro animali come se fossero componenti della famiglia. E il bilancio del dramma ancora non è tracciabile. Maurizio Amici, il veterinario, spiega infatti che «Nella bocca del lupo c’è una flora batterica micidiale, l’animale morso, se non trattato subito con forti dosi di penicillina, non si riesce a salvare. La morte può sopraggiungere a distanza di un mese e mezzo, anche due». L’emergenza è alle stelle. I lupi avrebbero dovuto cacciare i cinghiali «Ma sono aumentati sia i cinghiali che i lupi – riferisce il veterinario – un lupo è stato investito alla stazione di Osimo, ormai sono scesi fino al mare». 
Questi animali selvaggi nel Fermano hanno trovato l’ambiente ideale perché trovano riparo tra i tanti fossi e calanchi. A Montegiorgio nella notte tra domenica e lunedì un altro gregge è stato assaltato dai lupi. E’ uno stillicidio. Da Gianna e Fabrizio Scartozzi un episodio del genere, ma di minore entità, c’era stato solo due mesi fa. E’ stata informata la polizia provinciale, è stato chiesto un sopralluogo. La nuova legge regionale è stata deliberata dalla giunta il 20 novembre. La Regione risarcisce i danni con 15mila euro in tre anni ma è un attimo superare quella cifra in queste condizioni. E il problema non è di oggi «Ma ormai di qualche anno – fa sapere il veterinario. Solo che adesso si è superato il limite».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA