Lesioni aggravate, fratelli condannati
Terminato il processo sul capannone

Mercoledì 30 Aprile 2014
Lesioni aggravate, fratelli condannati Terminato il processo sul capannone

PORTO SANT'ELPIDIO - Concluso il processo contro Andrea e Graziano Sassano. Il collegio penale presieduto dal giudice Ugo Vitali Rosati li ha condannati a 3 anni e sei mesi per il reato di lesioni aggravate nei confronti di Cesare Speca, mentre li ha assolti per estorsione, l'altro capo d'imputazione. Nell'udienza precedente la deposizione di Spreca ha sorpreso i giudici e il pubblico ministero. L'uomo avrebbe fornito informazioni frammentarie, dicendo più volte di non ricordare i fatti. Nella denuncia iniziale Speca avrebbe raccontato di essere stato minacciato con un'arma e costretto a restituire degli assegni.

All'origine dei fatti pare ci fosse stata la vendita di un capannone di proprietà di Speca ai Sassano. Secondo i racconti che la parte offesa avrebbe fatto alla polizia, i due fratelli dopo averlo pagato con degli assegni, lo avrebbero minacciato con una pistola e più volte picchiato per farsi restituire i soldi. Il referto dell'ospedale, che attestava una prognosi di 45 giorni, ha fatto si che si procedesse per le lesioni aggravate e la conseguente condanna. I due fratelli sono difesi dagli avvocati Angelo Ruberto del foro di Lucera e Andrea Albanesi, mentre Speca dall'avvocato Anna Indiveri.

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 10:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA