Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Industriali, fissate le tappe per l'addio ad Ascoli. Serve anche una doppia assemblea provinciale

Industriali, fissate le tappe per l'addio ad Ascoli. Serve anche una doppia assemblea provinciale
Industriali, fissate le tappe per l'addio ad Ascoli. Serve anche una doppia assemblea provinciale
di Massimiliano Viti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Ottobre 2021, 06:50

FERMO - Venerdì 5 novembre i due soci litigiosi di Confindustria Centro Adriatico (vale a dire Uif-Unione Industriali del Fermano e Confindustria Ascoli Piceno) si riuniranno autonomamente in vista della assemblea straordinaria convocata per il successivo venerdì 12 novembre e chiamata a votare lo scioglimento dell’associazione.

 
I punti all’ordine del giorno dell’assemblea Uif, che si terrà nella sede di via Respighi a Fermo (con la possibilità di partecipare anche da remoto), sono lo “scioglimento di Confindustria Centro Adriatico” e la “ricostituzione di una rappresentanza autonoma territoriale”. Per il primo punto, relativamente alla Uif, è una riconferma di quanto l’associazione fermana ha deciso i primi di aprile, con un verbale che prese subito la strada per Roma, all’attenzione dei probiviri nazionali. Fu l’atto formale della dichiarazione di guerra di Fermo nei confronti di Ascoli. Scioglimento di Centro Adriatico che dovrà essere votato di nuovo, come accennato, il 12 novembre.


Per quanto riguarda la “ricostituzione di una rappresentanza autonoma territoriale”, ciò rappresenta un passo dovuto per dare continuità agli imprenditori associati a Uif. Vuol dire che l’Unione Industriali del Fermano chiederà a viale dell’Astronomia di Roma (e otterrà) l’Aquilotto, simbolo di Confindustria. In altre parole, una volta votato lo scioglimento di Confindustria Centro Adriatico, l’Uif avrà subito la sua autonomia all’interno di Confindustria e rientrerà a far parte del sistema associativo con tutti i diritti. Quelli che aveva prima del matrimonio con Ascoli. Tra l’altro l’Uif ha già espresso il suo presidente, Fabrizio Luciani, 61 anni, imprenditore alla guida di Centro Ufficio Group di Montegranaro, che ricoprirà questo ruolo per tre anni.


Luciani, così come Andrea Santori, erano stati dati come espulsi da Simone Mariani, ex presidente di Centro Adriatico, che confermò una email anonima. Poi però i probiviri nazionali, una volta esaminati gli atti e presa in mano la situazione, dichiararono nullo il verbale della seduta e quindi sancirono una espulsione mai avvenuta. Quello di nominare il proprio presidente è un passaggio che Confindustria Ascoli risulta non aver ancora compiuto fino alla riunione che è stata convocata, come Fermo, per venerdì 5 novembre.


Le due assemblee sono propedeutiche a quella straordinaria convocata per il giorno 12 che sancirà, a meno di clamorose sorprese, l’addio del sodalizio tra Ascoli e Fermo e quindi il ritorno a due territoriali separate e autonome che certo non si ameranno, almeno per i prossimi anni. Chissà se ognuna vorrà trovare un nuovo partner marchigiano o, data l’esperienza vissuta, preferiranno restare single per scelta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA