Uno vende i cerchi in lega ma non li consegna, l'altro "succhia" il gasolio con un tubo: denunciati

Martedì 10 Novembre 2020 di Chiara Morini
fermo, uno vende i cerchi in lega ma non li consegna, l'altro

FERMO - Un truffatore e un ladro di gasolio sono stati denunciati dai carabinieri alla Procura di Fermo.

LEGGI ANCHE:

Fascia gialla Covid: cosa si può fare e cosa no in 20 domande. Dalla visita ai nonni ai mercatini

Andrea Merloni trovato cadavere in casa a 53 anni. La scoperta choc della colf. Era morto da un giorno

I militari dell’Arma in servizio alla stazione di Monte Urano hanno rintracciato un uomo di circa trent’anni, di origini brasiliane ma residente in provincia di Ragusa, in seguito alla truffa perpetrata ai danni di un elpidiense residente a Monte Urano.

 

I reati

L’uomo, già gravato di precedenti per reati contro il patrimonio, ha cercato di vendere dei cerchi in lega adatti a essere montati su un’Audi station wagon al cittadino di Sant’Elpidio a Mare. Una vendita solo simulata però, perché l’uomo segnalato alla Procura di Fermo ha fatto sì che la vittima della truffa versasse su una sua carta ricaricabile la somma pattuita di 300 euro. Versato l’importo la merce non è mai stata spedita. I carabinieri di Monte Urano hanno così avviato le indagini per rintracciare l’uomo: lo hanno identificato e denunciato per truffa, come detto, in stato di libertà.

La Procura

Altra denuncia in stato di libertà alla Procura di Fermo è stata fatta a carico di un uomo ultrasettantenne, sempre a Monte Urano. I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Fermo nella serata di domenica scorsa hanno sorpreso un ladro intento a rubare gasolio da un autocarro: è stato letteralmente colto con il tubo in bocca mentre aspirava il carburante dal mezzo parcheggiato lungo la strada, per travasarlo in taniche che aveva nella propria automobile, ed è stato quindi denunciato in stato di libertà. Il carburante sottratto è stato recuperato per essere restituito al legittimo proprietario. «Continueremo anche nelle prossime settimane ad effettuare i controlli necessari a prevenire i reati» assicura il tenente colonnello dell’Arma, Nicola Gismondi, comandante della compagnia di Fermo.

Il fenomeno

A cominciare proprio dai reati contro il patrimonio che in questi giorni sembrano aumentare. Continuano infatti le segnalazioni per furti in appartamento come riferiamo in un altro servizio nell’edizione di Fermo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA