Croce Verde in trincea. E nell’anno più difficile si mobilitano anche i volontari. Ed è arrivata un'altra ambulanza

Croce Verde in trincea. E nell anno più difficile si mobilitano anche i volontari. Ed è arrivata un'altra ambulanza
Croce Verde in trincea. E nell’anno più difficile si mobilitano anche i volontari. Ed è arrivata un'altra ambulanza
di Francesca Pasquali
3 Minuti di Lettura
Lunedì 19 Luglio 2021, 08:25

FERMO -  Meno volontari. Ma, soprattutto, meno uscite. È stato un anno difficile, il 2020, per la Croce Verde. Il Covid ha stravolto ritmi e attività della pubblica assistenza fermana. Che, ieri mattina, s’è ritrovata nella sede di piazzale Tupini per l’assemblea dei soci. I dati snocciolati dal presidente Emanuele Del Moro tratteggiano un profilo di alti e bassi. La pandemia ha fatto calare il numero dei volontari, anima e corpo dell’associazione. Dieci in meno rispetto al 2019: 286 contro 296. «Diversi di quelli che hanno dovuto scegliere tra famiglia e volontariato hanno scelto la prima», spiega Del Moro.
 
A bilanciare il calo, nella seconda metà dell’anno è arrivata una nuova infornata di volontari. Una ventina tra giovani e meno giovani. Tra questi ultimi, diversi erano in cassa integrazione e hanno scelto di dedicare una parte del loro tempo al prossimo. Nell’insieme, il 63% dei volontari sono uomini, il 37% donne. L’81% è di Fermo, il 18% di fuori provincia. C’è pure un 1% di fuori regione. Tredici i dipendenti della Croce Verde (un direttore, nove autisti soccorritori e tre amministrativi), uno in più del 2019.


A crescere è stato il numero dei soci, passati dai 1.422 del 2019 ai 1.547 del 2020 (+125). Che significa maggiore vicinanza all’associazione che, ieri, ha anche inaugurato un nuovo mezzo. Un’ambulanza di tipo A, che si aggiunge alle cinque già in dotazione, e alle quattro di tipo B. Il parco mezzi comprende pure un’auto per il trasporto dell’equipe medica nei soccorsi avanzati di organi e sangue, un’automedica per i codici rossi, cinque pulmini per il trasporto dei disabili, tre taxi sanitari, un furgone per le attività di protezione civile e un fuoristrada per l’assistenza durante le manifestazioni sportive. Da cartina di tornasole dell’anno di pandemia fanno i dati sui servizi, crollati rispetto al 2019 (15.881 contro 20.712, -23%, per un totale di 421.562 chilometri percorsi, contro 603.307, -30%). I trasporti Covid sono stati 710, quelli sanitari di emergenza 3.778, quelli sanitari ordinari 8.499, quelli sociali 3.478. 126 i servizi effettuati nel corso di manifestazioni.


Nel 2019 erano stati 490 (-74%). «Il 2020 – la sintesi di Del Moro – è stato un anno impegnativo. Fortemente critica la prima parte a causa della situazione pandemica. Già in passato avevamo assistito a un calo dei volontari e alle conseguenti difficoltà a coprire i turni festivi e notturni. Una situazione che è stata accentuata dal Covid». Per questo, tra gli obiettivi dell’anno in corso c’è quello di «intensificare e sviluppare il programma formativo di volontari e di creare i presupporti per un loro maggiore coinvolgimento». Causa pandemia, l’associazione ha dovuto rinunciare ai corsi di primo soccorso, porta principale d’ingresso per le nuove leve, ai tre studenti in alternanza scuola-lavoro e ai dieci giovani del servizio civile. Nonostante tutto, la Croce Verde ha tenuto botta.


Dopo il resoconto dell’anno passato, l’assemblea ha eletto all’unanimità Giorgio Guerra presidente onorario. «L’associazione – le parole dell’ex presidente, accolto da un lungo applauso – è un punto di forza e di ripartenza, di cui mi onoro di fare parte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA