Sindaco e due assessori positivi al coronavirus. Test per consiglieri e dipendenti. Chiude il Comune?

Martedì 6 Ottobre 2020 di Francesca Pasquali
Il sindaco Calcinaro. Lui stesso ha dato la notizia della positività al Covid con un post su Facebook

FERMO - Paolo Calcinaro è positivo al Coronavirus. A darne notizia è stato lo stesso sindaco, ieri pomeriggio, attraverso un post su Facebook. E non è il solo nella sua giunta.

LEGGI ANCHE:
Alunno positivo, classe in quarantena. Infettato anche l’autista di uno scuolabus: 4 bimbi in isolamento

Rinaldini, smartphone spenti. La dirigente del classico: «Telefonino da utilizzare solo per vitale importanza»



«Con i sintomi comparsi nelle ultime 24 ore – ha scritto –, questa mattina (ieri, ndr) mi sono recato in un laboratorio privato per effettuare un test rapido, oltre che il tampone classico. L’esito purtroppo è stato positivo e domani (oggi, ndr) avrò la conferma dell’esame. Essere fissato con la mascherina a volte può non bastare e onestamente spero che la sintomatologia non vada peggiorando. Continuerò a lavorare per il Comune qui, da casa, come sempre».

I sintomi
Calcinaro avrebbe accusato i primi sintomi domenica. Tosse e un po’ di febbre che hanno convinto il primo cittadino a chiudersi in casa. La conferma del contagio è arrivata ieri. Secondo i primi esami positivi anche un paio di assessori, entrambi asintomatici. Ieri tutta la giunta s’è sottoposta al test rinofaringeo, come i dipendenti del terzo piano del Comune, dove si trova l’ufficio del sindaco. Questi ultimi sarebbero tutti negativi. Test anche per i consiglieri comunali. Si sta, adesso, ragionando sulla possibilità di chiudere il Municipio, almeno finché tutti i dipendenti non si saranno sottoposti ai controlli. Come da prassi, infatti, dopo il rinnovo dell’amministrazione, sindaco e assessori hanno fatto visita agli uffici per i saluti di rito e possono aver contagiato qualcuno. Una doccia fredda che arriva a due settimane dal voto e dalla strabordante riconferma di Calcinaro. Potrebbe essere stato proprio in quelle ore di euforia post-vittoria che il sindaco abbia contratto il virus. Slitta, a questo punto il primo Consiglio comunale, previsto per metà mese.

Le aule
Tutti negativi, invece, i compagni di classe della studentessa della Da Vinci-Ungaretti, nei giorni scorsi risultata positiva. Sono tutti in quarantena e, prima di tornare a scuola, saranno sottoposti al tampone di controllo. Quattro, al momento, nel Fermano, le scuole in cui si sono riscontrati contagi. Oltre alla media di Fermo, c’è è stato un caso in quella di Casette d’Ete e uno alle elementari Capoluogo di Montegranaro. Il più piccolo contagiato in classe è un bambino della scuola materna Peter Pan di Porto Sant’Elpidio. Oggi e domani saranno effettuati i tamponi su compagni di classe e insegnanti. Nel Comune costiero, i positivi, a ieri, erano 16. Trentasei le persone in quarantena. Numeri che, dice il sindaco Nazareno Franchellucci, «non ci devono spaventare, né tantomeno limitare nelle nostre azioni quotidiane, ma certamente farci sempre e comunque porre l’attenzione sui comportamenti di prevenzione che tutti conosciamo ormai molto bene». A forte rischio, a questo punto, la fiera di San Crispino. «A breve – fa sapere il sindaco –, ci incontreremo con la Prefettura e, tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, prenderemo la decisione più giusta per la tutela e la sicurezza di tutti. Evidente è che, se il trend sarà questo, la fiera non si farà».

L’ospedale
Aumenta, intanto, il numero dei positivi al Murri. Ieri, nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Fermo, erano ricoverate tredici persone. Nella Rsa di Campofilone i pazienti positivi sono 8. Dall’inizio della pandemia, nel Fermano, in 607 hanno contratto il Covid. Si impenna il numero delle persone in isolamento domiciliare vigilato. Ieri erano 390 (69 più di domenica), di cui quaranta sintomatiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA