Fermo, case vacanza occupate dai clandestini e spaccio: la costa passata al setaccio

Giovedì 13 Febbraio 2020
Fermo, case vacanza occupate dai clandestini: la costa passata al setaccio

FERMO - Spiegamento di forze ieri mattina a Lido Tre Archi, controlli a tappeto da parte della polizia di Stato, con il supporto della Guardia di finanza, l’unità cinofila. Autocivette tra le altre, una ventina di persone tra uomini e donne in divisa e in borghese. Passata al setaccio tutta la zona dal ponte di collegamento al lungomare, via Pietro Nenni, largo Saragat, via Aldo Moro. Controlli negli appartamenti e nei bar oltre che in strada.

LEGGI ANCHE:
Fermo, si accascia priva di sensi sul marciapiede davanti a casa: paura per una 30enne

Uffici e alloggi al freddo da fine gennaio: scoperte bollette del gas per 34mila euro

Il cane antidroga è entrato con agenti e finanzieri nei locali che tanto caratterizzano via Moro per verifiche contro lo spaccio di droga. Il blitz di prima mattina si è fatto necessario dopo le retate in cui sono stati scovati immigrati irregolari che avevano occupato abusivamente appartamenti delle vacanze di persone del nord Italia. Turisti che vivono da queste parti nel periodo estivo e che si ritrovano con gli appartamenti occupati d’inverno. L’ultimo sgombero ha portato ad acciuffare quattro nordafricani e una ragazzina. Il monitoraggio del territorio è costante, stringente e funzionale alla sicurezza garantita e a quella percepita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche