Ciao ciao campanili: patto fra i Comuni del fermano a caccia dei turisti. E cambia anche il sito internet

Addio ai campanili: patto fra i Comuni del fermano a caccia dei turisti. E cambia anche il sito internet
Addio ai campanili: patto fra i Comuni del fermano a caccia dei turisti. E cambia anche il sito internet
di Chiara Morini
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Maggio 2024, 01:15 - Ultimo aggiornamento: 16:54

FERMO In provincia di Fermo, le associazioni di categoria, le principali realtà private, unite per promuovere le ricchezze del territorio e offrire la migliore accoglienza e ospitalità marchigiana». È uno degli slogan che accoglie i visitatori del nuovo sito di Marca Fermana, da qualche giorno online, ripensato per migliorare le informazioni. Nel mentre l’associazione lavora per la stagione estiva ormai alle porte per lavorare insieme ai territori. A curare il progetto del nuovo sito è stata la vicepresidente dell’associazione Marca Fermana, Giamaica Brilli, che già aveva annunciato l’idea lo scorso anno.

La strategia

«L’obiettivo – riferisce – è quello di raccogliere tutto il territorio dei comuni, itinerari su cosa fare e un racconto diviso per stagioni».

Quest’ultima è una delle novità, una sezione dove trovare informazioni e ispirazione per cosa fare nel Fermano, a seconda ci si trovi in primavera, estate, autunno o inverno. «Partiti con l’analisi della strategia digitale – prosegue Brilli – abbiamo poi chiesto il supporto dei Comuni con immagini, foto ed eventi». Nella cartina ci sono tutti e 40 i Comuni di Fermo, nell’elenco solo gli attuali 34 soci, tra cui gli ultimi rientrati Rapagnano e Monte San Pietrangeli.

Molto intuitivo anche nell’home page, il sito già offre la possibilità di andare direttamente a cosa offre il territorio piuttosto che al mare, o alle attività per bambini e famiglie o ancora l’arte e la cultura o l’enogastronomia, solo per citarne alcuni. «Il prossimo step – prosegue la vicepresidente – sarà la versione inglese. Pensiamo che questo sia un’opportunità per tutto il territorio visto che un sito che raccogliesse tutto il Fermano ancora non c’era. Il sito l’abbiamo realizzato con fondi nostri, della Fonazione Carifermo e regionali». Scopo dell’online, ovviamente è quello della promozione territoriale. Il presidente di Marca Fermana (e sindaco di Petritoli) Luca Pezzani dice anche che «con il web e i social si aiuteranno i Comuni a promuovere i territori e il relativi eventi». Ma il lavoro non si ferma all’online, ci sono diverse iniziative sulla scrivania degli addetti ai lavori.

Lo sviluppo

«Stiamo lavorando con la Regione – prosegue Pezzani – per tenere aperto lo Iat di Porto San Giorgio durante l’estate, stiamo andando avanti con le attività con l’associazione dei cuochi per progetti itineranti». Si tratta degli itinerari del gusto che Marca Fermana sta predisponendo con l’associazione cuochi, come presentato nell’ultima giornata di Tipicità, e che tra gli associati toccherà diversi Comuni, ma non tutti. Ciò non vuol dire che alcuni resteranno senza nulla. Spiega Pezzani: «Stiamo lavorando anche per una nuova stagione di Borghi Ospitali, dopo quella dello scorso anno. Sarà diversa nelle location e andremo nei Comuni che non saranno toccati dalle attività con i cuochi».

Nel mentre si continua a lavorare, come fatto quest’anno, per risolvere le criticità che sono state riscontrate nel passato. L’obiettivo è ripartire superando anche quel campanilismo che spesso ha frenato lo sviluppo del Fermano. «Abbiamo risistemato – spiega ancora Pezzani – le questioni del bilancio e, dopo le perdite, stavolta siamo in attivo. In questo modo possiamo ridare tranquillità anche ai soci privati. Siamo consapevoli che c’è ancora da fare, che ci sono difficoltà, ma la fiducia c’è, dopo tutto quello che abbiamo fatto finora. Ora lavoriamo per pagare tutte le pendenze e faremo ancora meglio in tutto il 2024, sperando nei contributi regionali e bandi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA