Blitz sul treno, ritrovato il ragazzo 15enne che era scomparso da una settimana

Domenica 28 Febbraio 2021 di Laura Meda
Fermo, blitz sul treno, ritrovato il ragazzo 15enne che era scomparso da una settimana

FERMO - Ritrovato il ragazzo di 15 anni di origini magrebine scomparso da Lido Tre Archi. Alle ore 11.40 di ieri mattina l’epilogo della vicenda; il minorenne era sparito sabato scorso. Una settimana di indagini e tensione, poi la buona notizia. I segugi della Squadra Mobile lo hanno rintracciato ad Ancona su un treno proveniente da Roma per riconsegnarlo alla madre. Sono stati lunghi giorni di indagini, di attività svolte di giorno e di notte dagli agenti: ricostruiti tutti i suoi passaggi, con un possibile sconfinamento in Francia dove vive il padre, al quale il ragazzo ha poi rinunciato all’ultimo momento.

 

Lo sconfinamento

Immediata la collaborazione con l’autorità giudiziaria fermana e gli uffici del Dipartimento della pubblica sicurezza sia per rilevare la sua posizione che, soprattutto, per estendere le ricerche appunto in Francia, dalla quale stava facendo ritorno passando per Roma. Mobilitate la polizia di frontiera e la Polfer: anche la polizia francese ha attivato ogni possibile ricerca nei luoghi dove il minore avrebbe potuto recarsi. E, come riferisce la Questura, il giovane, esperto di scacchi, ha impostato una specie di partita con gli agenti. Ma alla fine - e per fortuna - ha perso. Il ragazzo è stato individuato nella serata di venerdì nella Capitale ma, nonostante lo spiegamento di forze, è riuscito a nascondersi di nuovo. Poi, ieri mattina, l’epilogo positivo della vicenda. Nella certezza, o meglio nella speranza, che al suo rientro in Italia il minore potesse tornare in provincia di Fermo, almeno per qualche tempo rifugiandosi a casa di amici, il personale della Squadra Mobile ha individuato e percorso ogni treno utile che portasse nelle Marche e su uno di questi, diretto ad Ancona, ha rintracciato il minore. Il giovane, visti i poliziotti in borghese, ha tentato di eludere il controllo, scendendo alla prima stazione utile. Ma invano. Alla stazione ferroviaria del capoluogo è stato accompagnato fuori dal vagone per essere riportato a casa a Fermo. La fuga, secondo quanto era emerso, dopo una lite con la madre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA