Fendi aprirà uno stabilimento a Fermo nel 2022, l’annuncio del Ceo Brunschwig all’Ipsia Ricci: «Previsti 300 posti di lavoro»

Giovedì 16 Settembre 2021 di Chiara Morini
La presentazione del progetto Fendi a Fermo

FERMO - Fendi punta tutto sui futuri giovani artigiani, e molto anche su Fermo: un nuovo stabilimento produttivo di calzature e  design nel noto marchio di moda e lusso sorgerà nel capoluogo con circa 300 assunzioni previste. L’annuncio è dello stesso Ceo di Fendi, Serge Brunschwig, che ieri ha ufficialmente inaugurato nella sede dell’Ipsia Ricci il progetto “Adotta una scuola”. Realizzato dalla fondazione Altagamma, che oltre alla stessa Fendi raggruppa più di 200 imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, il progetto prevede che Fendi “adotti” una quarta classe e la porti fino in quinta.

 

La formazione
Masterclassess formative, con tanto di nozioni storiche sulla calzatura, e nuovi artigiani pronti a contribuire alla creazione di eccellenze nella calzatura: saranno 22 gli allievi coinvolti, nel corso partito ieri con l’inizio della scuola. «Sono da poco qui ma sono molto affascinato dal saper fare di questo territorio in cui crediamo – le parole di Brunschwig -. Fermo è molto importante per noi e per questo abbiamo deciso di trasferire l’attuale nostra realtà di produzione di calzature da Porto San Giorgio a Fermo, con 300 maestranze. Adottare una scuola per le nostre progettualità, strettamente connesse fra di loro, ci è sembrato giusto, perché siamo convinti che sia necessario suscitare vocazioni e questa è la prima classe che adottiamo». E non è tutto, perché la Maison romana ha pure finanziato l’acquisto di macchinari tecnici per operazioni specifiche di realizzazione delle calzature. Il motivo di questi progetti che portano le realtà imprenditoriali nelle scuole professionali specifiche lo dice la direttrice della Fondazione, Stefania Lazzaroni: «Per sviluppare percorsi di formazione realmente corrispondenti alle esigenze del settore. Secondo i nostri studi mancano 270mila posti di lavoro specifici». L’invito a farsi un futuro, anche grazie a questa iniziativa, è pure di Alexandre Bouquel direttore dell’istituto dei mestieri di eccellenza ME LVMH. 


L’operazione
«Grazie a questa operazione il mondo dell’impresa si interfaccerà direttamente con il mondo della scuola – commenta l’assessore regionale all’istruzione Giorgia Latini – ringraziamo Fendi per questo obiettivo che ha voluto porre qui. Per troppo tempo la formazione professionale e la scuola sono stati distanti, facendo ravvisare uno scollamento». La nuova fabbrica, dovrebbe vedere la luce a Fermo nel 2022 e potrebbe anche assumere i nuovi giovani formati nello specifico. Il marchio punta dunque a creare eccellenze, e in questo l’Ipsia è coinvolta direttamente. «Storicamente il nostro istituto forma gli studenti in campo tecnico, professionale e nella moda» il pensiero della dirigente scolastica Annamaria Bernardini. Il progetto, infatti, è svolto in collaborazione con il Ministero un po’ in tutta Italia, per puntare anche sul Made in Italy di qualità. «Fermo e il territorio hanno un’occasione straordinaria e ringraziamo Fendi per queste due progettualità» il commento del sindaco Paolo Calcinaro. 

Ultimo aggiornamento: 15:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA