Coronavirus, la proposta del sindaco: «I positivi via da casa, siano accolti nei camping»

Lunedì 23 Marzo 2020
Sant'Elpidio a mare, Coronavirus, la proposta del sindaco: «I positivi via da casa, siano accolti nei camping»

SANT’ELPIDIO A MARE - Da oggi entreranno in vigore le nuove misure restrittive sancite dal governo Conte che chiudono buona parte delle attività produttive. Misure che secondo il sindaco Alessio Terrenzi sono «necessarie ma tardive. Condivido la scelta di Conte, ma andava fatto prima. Nelle emergenze temporeggiare è fatale. Sappiamo tutti che ci saranno conseguenze pesanti per l’economia, ma oggi c’è da pensare alla vita delle persone. Non esiste un interesse superiore. Io andrei oltre e adotterei misure ancor più rigide». 

LEGGI ANCHE:
Guido Bertolaso arrivato ad Ancona: la missione è un nuovo ospedale per il Coronavirus. Ecco le ipotesi

Coronavirus, rallenta la curva dei nuovi contagiati nelle Marche: oggi sono 148. Il totale sale a 2.569 /La mappa del contagio in tempo reale

Il primo cittadino di Sant’Elpidio a Mare formula così le sue proposte. «I contagiati da Covid-19 per i quali non è necessario il ricovero in ospedale non dovrebbero stare a casa. Abbiamo tanti campeggi e villaggi vacanze nella zona costiera, si usino come si è fatto per gli evacuati del terremoto, loro fornirebbero un servizio utile e sarebbe anche ossigeno per le strutture recettive, che con ogni probabilità pagheranno serie conseguenze a livello di arrivi per questa emergenza. Porterei nei campeggi, ovviamente in strutture diverse da quelle dei soggetti positivi al virus, anche tutte le persone in quarantena. Ci arrivano purtroppo segnalazioni di alcuni soggetti che, nonostante siano sottoposti ad isolamento, continuerebbero ad uscire. Questo va assolutamente fermato o non verremo più fuori da questa crisi». 

Ultimo aggiornamento: 11:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA