Appello al commissario: «Riapra il cimitero. Nell'anno Covid pena infinita per chi ha perso i suoi cari»

Montegranaro, appello al commissario: «Riapra il cimitero. Nell'anno Covid pena infinita per chi ha perso i suoi cari»
Montegranaro, appello al commissario: «Riapra il cimitero. Nell'anno Covid pena infinita per chi ha perso i suoi cari»
di Nicola Baldi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Aprile 2021, 10:06

MONTEGRANARO - Cimitero di Montegranaro chiuso, appello al commissario perchè riapra i cancelli con le adeguate misure di sicurezza. «Da qualche giorno serpeggia in città un malumore, nemmeno tanto celato, nel merito dell’ordinanza anti Covid di chiusura del cimitero, tanto che alcuni nostri iscritti ci hanno contattati per poter aver voce e rappresentanza».

 

E’ l’inizio di una nota diramata da Laura Latini, segretaria veregrense del Partito Democratico, che a nome dell’intero direttivo incarna il pensiero dei cittadini vicini alle sorti Dem relativamente all’ordinanza di chiusura, causa Covid, del cimitero calzaturiero.

La richiesta

«Proprio per questo siamo qui a chiedere al commissario prefettizio, dottor Francesco Martino, di poter mettere in atto una strategia per la riapertura dello stesso – il messaggio rivolto al vertice comunale contenente alcune opzioni operative indirizzate a cambiare l’attuale situazione -. Ci rendiamo perfettamente conto che la modalità di accesso non potrà essere quella risalente al 2019: si limitino orari ed ingressi, si dividano i varchi di accesso e quelli di uscita, si metta personale a misurare la temperatura dei visitatori e quanto verrà ritenuto idoneo al caso, ma chiediamo che non venga negato, a chi ha perso i propri cari, ancorché in questi giorni, la possibilità di avere il conforto di recarsi nei luoghi di sepoltura». Il circolo Pd conclude sottolineando un aspetto. 

Le motivazioni

«Chi ha subito un lutto in questo anno terribile non ha potuto nemmeno condividere il dolore con parenti e amici, limitandosi solo a delle celebrazioni per pochissimi congiunti, senza un abbraccio. Non resta che il raccoglimento privato al camposanto. Proprio come le celebrazioni religiose, il rispetto dei morti è parte della nostra cultura e sentimento profondo di ciascuno. Le strategie le hanno già messe in atto i Comuni a noi vicini, dove i cimiteri sono aperti, non resta che seguire una buona pratica». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA