Fermo, spiagge chiuse o bagni vietati di notte: il labirinto delle restrizioni Covid per Ferragosto

Venerdì 14 Agosto 2020 di Sonia Amaolo
Fermo, spiagge chiuse o bagni vietati di notte: il labirinto delle restrizioni Covid per Ferragosto

FERMO - Tra fuochi e bagni in spiaggia sarà una notte caldissima quella che sta per arrivare, è il Ferragosto dei divieti questo, e degli infiniti modi da trovare per eluderli, nel classico stile all’italiana e poi il popolo della notte già di suo si diverte esagerando.

I Comuni varano le restrizioni anti contagio, del tipo tutti con le mascherine, duecento persone al massimo nei locali al chiuso e duemila persone all’aperto, ma alla giusta distanza. Un po’ di confusione nella sostanza e nella forma è prevedibile, e si cominciava a respirare già da ieri mattina.
 
L’impegno
Le regole non sono unitarie, Comuni e Regioni fanno da sé e questo è il risultato. L’arenile chiuso dalla sera alla mattina è a Porto Sant’Elpidio e a Porto San Giorgio, secondo quanto ordinato dai sindaci Nazareno Franchellucci e Nicola Loira, ma non a Fermo. Le zone più calde, dove si accalcano i giovani in cerca di divertimento, sul lungomare Gramsci a Porto San Giorgio e in via Battisti a Porto Sant’Elpidio in primis, sono controllate a vista, con steward a fare in modo che tutto si svolga in maniera lineare. Il bagno in mare a Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio si potrà fare ma solo di giorno, non dopo le 22 per lo stop fino alle 6 di mattina ma basta appunto spostarsi di qualche chilometro per non rischiare. Alcune sagre sono annullate, altre si terranno con le dovute limitazioni; gli spettacoli si possono svolgere, sono previsti, sempre nel rispetto delle norme anticovid.
I timori
A far più preoccupare stanotte saranno di sicuro le spiagge, come e più di quanto è stato nei passati fine settimana. Gli arenili saranno blindati per volontà delle amministrazioni, ma non tutte ragionano allo stesso modo. La volontà di chiudere un occhio c’è tutta, da parte dei controllori, nella notte più calda dell’anno e le cittadine marine stanno predisponendo la loro controffensiva light alla potenziale diffusione del virus, in base alle possibilità concrete di attuare verifiche nei luoghi ove è prevedibile l’assembramento. Fioccano i provvedimenti nel tentativo di scongiurare focolai che potrebbero essere provocati dalla grande festa estiva con giovani certamente interessati a organizzare falò sulla sabbia per festeggiare. Che siano spiagge off-limits o no poco importa quando si è in gruppo e c’è voglia di divertirsi e in qualche modo anche aggirare le regole. Resta il divieto di vendere alcolici, lo stop ai bivacchi. I sindaci via Facebook o di persona sensibilizzano i gestori dei locali e tra questi c’è chi regala le mascherine ai clienti, mentre gli steward sono lì per fare il loro lavoro, anche se sarà difficile contenere gli entusiasmi giovanili. Fermo mette un tetto alle presenze alle feste dentro e fuori, in spiaggia si potrà andare e nel centro storico sarà la notte della luce.
Il passato
Per la Cavalcata dell’Assunta, come riferiamo nell’altra pagina, ci saranno due momenti statici, uno al Tempio di San Francesco e uno al Sagrato della Cattedrale con i figuranti distanziati e l’ordinanza della polizia locale che vieta il transito dalle 18 alle 24. A Porto Sant’Elpidio Franchellucci ha firmato anche l’ordinanza per prolungare la musica nella notte più lunga. Ci saranno band musicali nelle vie cittadine e supereranno oltre l’orario finora consentito, quindi uno strappo alla regola e musica fino all’1 e mezza. Su tutto vale la regola del buon senso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA