Fermo, assembramenti, ubriachi e incidenti: i residenti chiedono più controlli

Mercoledì 17 Giugno 2020 di Pierpaolo Pierleoni

FERMO - Libertà pericolosa o un allentamento naturale dell’attenzione, visti i casi sempre più rari di Coronavirus? E’ la domanda più diffusa, in queste settimane, in cui crescono gli assembramenti, specie nel weekend.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, le Marche tornano a quota zero: nessun morto nelle ultime 24 ore/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Laboratori mobili e tamponi a tappeto per spegnere il focolaio Covid all'Hotel House

I residenti hanno paura dei contagi e chiedono più rigore e polso fermo. I controlli proseguono a raffica e saranno ancor più assidui da qui ai prossimi giorni, quando la movida potrà ripartire a tutti gli effetti e riapriranno anche le discoteche. Sabato scorso, intanto, ben due gli incidenti provocati dall’alcol, che per puro caso non hanno prodotto conseguenze nefaste.  
Gli incidenti
Immediato il ritiro di patente per i due conducenti di auto protagonisti di altrettanti scontri nelle strade del Fermano e che all’etilometro sono risultati ampiamente sopra i limiti di legge. La Questura è stata in campo con la squadra mobile, quella amministrativa, la volante, la scientifica, la stradale e il supporto del cane antidroga della Guardia di finanza. La parte impegnativa del lavoro, specie nel weekend, rimane quella di far evitare assembramenti, ormai sempre più assidui. Dalla polizia si fa sapere di aver identificato numerose persone, soprattutto giovani e adolescenti, da Porto San Giorgio a Porto S.Elpidio, passando per Lido e Lido Tre Archi. 
Le verifiche
Attività ispettiva che ha interessato anche gli stabilimenti balneari e pubblici esercizi, per riscontrare il rispetto delle prescrizioni sulla somministrazione di alimenti e bevande. La polizia evidenzia che «malgrado l’organizzazione attuata da parte dei gestori, con specifico personale per la gestione degli accessi, già in questo inizio di stagione sono stati individuati e filmati assembramenti soprattutto all’esterno di alcuni locali, ai titolari dei quali la polizia ha fornito indicazioni per una migliore attuazione delle disposizioni di contrasto al Covid». 
Il dialogo
Insomma prevale il dialogo rispetto alla repressione. Frequente, però, l’abuso di alcol, alcuni ragazzi sono stati allontanati da chalet ormai chiusi perché con i loro schiamazzi stavano disturbando il riposo dei residenti. Rintracciato anche nel corso dei controlli un residente sul litorale fermano, cui è stato notificato un avviso emesso dal Questore. Si lavora adesso sulle riprese di videosorveglianza, per verificare eventuali responsabilità amministrative per condotte scorrette durante le nottate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA