Porto San Giorgio, cani liberi in spiaggia: è allarme. «Senza guinzaglio e pronti ad aggredire i runner»

Porto San Giorgio, cani liberi in spiaggia: è allarme. «Senza guinzaglio e pronti ad aggredire i runner»
Porto San Giorgio, cani liberi in spiaggia: è allarme. «Senza guinzaglio e pronti ad aggredire i runner»
di Serena Murri
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Agosto 2022, 03:45

PORTO SAN GIORGIO -  Cani liberi in spiaggia, è allarme deiezioni. «Cani sul bagnasciuga e in acqua è inaccettabile» la denuncia di un residente. Troppi i padroni che portano i cani in spiaggia, ignorando che esiste un regolamento apposito che lo vieta e che comportamenti del genere siano sanzionabili dai vigili urbani.

«Che denuncia cani ovunque e relativi bisogni che i padroni lasciano sotto la sabbia» questa la denuncia di C.R. segnalando la mancanza di tutela da parte di cittadini residenti e anche i turisti -specie in questo periodo dell’anno- si trovano a vivere tutti i giorni trascorrendo parte della giornata in spiaggia. Non paghi, i padroni dopo averli lasciati liberi insabbiano le deiezioni per evitare di raccoglierle e di buttare negli appositi secchi della spazzatura. 


Il metodo


«Non solo portano i cani in spiaggia, -ha spiegato C.R.- il padrone scava le buche e vi sotterra le deiezioni. Senza pensare che magari poi il bambino che gioca su quella stessa sabbia con secchiello e paletta, poi si ritrova di fronte quelle deiezioni. Non mi pare una cosa igienica». Allo stesso modo è vietato condurre i cani in acqua, ma a quanto pare, certi padroni si sentono esenti da questa prescrizione «non li fanno solo passeggiare sul bagnasciuga ma gli permettono anche di fare il bagno in mare» ha raccontato l’uomo. Si tratta spesso di cani anche di taglia grande. «Io vado a correre, -ha raccontato l’uomo - ho paura perché ogni volta rischio che mi rincorrano». Nessuna differenza di taglia per l’insabbiamento delle deiezioni, cosa che accomuna sia cani piccoli che grandi «fanno i loro bisogni e lasciano tutto sotto la sabbia -ha affermato C.R.- Cosa che non potrebbero fare. Ci sono leggi che vanno fatte rispettare ai padroni. Non è possibile che i padroni siano incuranti di queste regole e che se li portino in spiaggia e in acqua senza guinzaglio. I vigili dovrebbero controllare situazioni di questo tipo. Le leggi ci sono ma al solito deve esserci chi le faccia rispettare». Esiste infatti un apposito regolamento di riferimento relativo all’uso del demanio, presente sul sito del comune che fra tutti i comportamenti da non avere, all’articolo 3, vieta «di condurre cani o altri animali anche se provvisti di museruola o guinzaglio» dove si specifica -inoltre- che «dovrà essere garantita l’adeguata raccolta di eventuali escrementi che in nessun caso potranno essere lasciati in spiaggia». 


Le eccezioni


Eccezion fatta per quanto previsto dall’articolo 4, il quale stabilisce la possibilità di portare animali d’affezione di piccola taglia sotto l’ombrellone, esclusivamente in quelle concessioni autorizzate ad accertare la documentazione igienico sanitaria richiesta, a patto che gli animali sostino in aree delimitate. Per fenomeni di questo tipo, è stato più volte sollecitato l’intervento dei Vigili urbani della locale stazione di polizia municipale i quali sono pronti ad intervenire e a sanzionare i padroni dei cani beccati sul fatto. Peccato che comportamenti come quello denunciato, spesso avvengano al di fuori del loro orario di servizio: «Noi appena ci vengono segnalati comportamenti di questo tipo -ci hanno detto dall’ufficio della polizia locale di Porto San Giorgio- interveniamo subito e sanzioniamo. Purtroppo avviene anche quando non siamo in servizio. La presenza dei cani sulla battigia è vietata, ancor di più senza guinzaglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA