Sede per i vigili del fuoco, Amandola vince la sua battaglia per guidare il territorio dei Sibillini

Giovedì 21 Gennaio 2021 di Francesco Massi
Sede per i vigili del fuoco, Amandola vince la sua battaglia per guidare il territorio dei Sibillini

AMANDOLA - Pronto il nuovo stabile per ospitare i vigili del fuoco dell’insediamento dei Sibillini, a servizio dell’area montana e dell’entroterra. A breve, probabilmente già dalla prossima settimana, è attesa la firma del contratto con il quale il Comune di Amandola cede in comodato d’uso gratuito al ministero degli Interni, dal quale dipendono i vigili del fuoco, l’utilizzo della struttura. 

 

 

Quest’ultima infatti è stata realizzata dal Comune di Amandola con proprie risorse di bilancio, acquistando da un’asta un capannone in zona Pian di Contro e trasformandolo in una sede adeguata secondo la normativa, con tutti i servizi necessari per una caserma. Ha un’ampiezza di 750 metri quadri di cui 350 dedicati all’area residenziale. A piano terra è collocato tutto il reparto giorno con uffici, cucina, mensa, spogliatoi, con bagni e docce da utilizzare dopo il rientro dagli interventi effettuati. 

Inoltre la struttura è dotata di un ampio garage per i mezzi con porte automatiche. Al primo piano è collocato il reparto notte che vede quattro stanze con i bagni, una di queste è una camerata e le altre tre singole sono per il comandante di turno e per le vigilesse, visto che nell’organico. Spazi per 12 persone, ovvero quelle impegnate in ogni turno. Invece l’organico complessivo assegnato in dotazione è di 31 unità di cui 3 comandanti. Diversi arrivano da varie parti d’Italia e si sono trasferiti ad Amandola, qualcuno con la famiglia, visto che dovranno rimanere per almeno 4 anni. Effettuati lavori anche di sistemazione degli spazi esterni circostanti.

Dopo la firma del contratto di comodato, che si attende in tempi brevissimi, i vigili potranno trasferire gli arredi e attrezzature nella nuova sede, lasciando quella provvisoria collocata in un container a pochi metri di distanza dalla nuova caserma. Quindi sembra tutto definito affinché la sede possa rimanere ad Amandola, dove da diversi anni esisteva un distaccamento periodico durante le estati, poi diventato costante dopo il terremoto del 2016. In questo modo nella Provincia sono presenti 2 sedi dei vigili: la prima principale e del comando provinciale a Fermo, la seconda ad Amandola a servizio dell’area montana e dell’entroterra. 

Una questione, quella dove collocare la sede per l’area interna, che ha vissuto, nei mesi passati, una forte conflittualità. Infatti i rappresentanti del coordinamento sindacale Cgil Vvf, Fns Cisl, UilPa e Confsal dei vigili del fuoco di Ascoli Piceno e Fermo, assieme ad alcuni sindaci della media Vallata del Tenna e di quello di Comunanza, si erano espressi fortemente contrari alla collocazione della sede ad Amandola, in quanto non adeguatamente baricentrica rispetto al raggio di azione territoriale. Infatti i sindacati avevano proposto non «un solo distaccamento ad Amandola, ma due, che andassero a coprire le stesse zone con tempi di percorrenza minori, da dislocare a Comunanza e Servigliano o Montegiorgio alta Valtenna».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA